Lube, questa è la strada giusta
Perugia travolta al Fontescodella

VOLLEY A1 - I biancorossi vincono la quinta partita consecutiva per 3-0 e rimangono saldamente in vetta alla classifica. Spettacolare la prova di Stankovic, Baranowicz e Kurek
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

(In alto la galleria fotografica di Lucrezia Benfatto)

Tifosi_Lube (7)di Andrea Busiello

Con una prova super, la Lube batte 3-0 (25-17, 25-19, 25-22) la Sir Safety Perugia e mantiene saldamente la vetta del massimo campionato di volley, conquistando il quinto 3-0 consecutivo tra campionato e Champions. Al Fontescodella una prova eccellente da parte dei ragazzi di coach Giuliani che non hanno dato scampo alla valida formazione umbra, reduce dai successi contro Cuneo e Modena. Bello lo striscione dei ragazzi della curva “Vicini a Goran” in onore dello schiacciatore della formazione ospite Vujevic, colpito dalla morte del figlio di 5 anni due settimane fa. Tutti bene nella squadra biancorossa, con Kurek, Baranowicz e Stankovic nelle vesti di mattatori del match. Per la Lube non c’è un attimo di riposo: infatti mercoledì si ritornerà in campo per la terza sfida del girone di Champions League contro il Lokomotiv Novosibirsk. Al Fontescodella contro la formazione russa ci sarà in palio una fetta di passaggio del turno nella competizione continentale.

esultanza_Lube (4)LA CRONACA – Formazioni in campo con i sestetti annunciati. Coach Giuliani che deve fare a meno di Parodi infortunato manda in campo Baranowicz-Zaytsev, Kovar-Kurek, Podrascanin-Stankovic con Henno nelle vesti di libero. Il primo break è firmato Podrascanin: 8-4 Macerata ed è Henno a mandare i suoi avanti 12-8 al time out tecnico. Il set scivola via facilmente per la Lube: Kovar a segno per il 21-12 e l’errore di Barone che fissa il punteggio sul 25-17 in favore dei biancorossi. Ottimo l’avvio anche nel secondo set dei biancorossi che con il solito Zaytsev vanno a segno per il 5-2. Anche questo set è in pieno controllo dei biancorossi con Podrascanin che ferma Semenzato per il 18-12. E’ Zaytsev a chiudere il set sul punteggio di 25-19 e portare la squadra di Giuliani avanti 2-0. E’ il muro di Kovar a portare Macerata sul 6-3 in avvio di terzo set ma Perugia si ritrova e torna in parità a quota 12. La Lube non ne vuole sapere di allungare la gara e con l’ottimo Kurek va a segno per il 17-13. Anche l’ultimo punto è firmato da Kurek, ace per il 25-22 finale e biancorossi che vincono 3-0 contro Perugia.

Lube_Perugia (5)

 

 

Simona_Sileoni_Fabio_GiulianelliLE PAGELLE DI LUBE-PERUGIA

LAMPARIELLO SV:

HENNO 7.5: Buone percentuali per lui, un punto e alcune difese molto importanti. Su tutte, quella nel finale di terzo set che ha regalato un punto pesantissimo ai suoi.

ZAYTSEV 7: Quando Baranowicz lo cerca, difficilmente si fa trovare impreparato. Due muri e un 47% migliorabile nel suo score d’attacco.

STANKOVIC 8: Prestazione ai limiti della perfezione. In attacco mette a segno tutte le palle che gli vengono servite. Un solo muro oggi per lui ma con questi primi tempi va molto bene così.

KOVAR 6.5: Come spesso accade, alterna grandissime giocate a errori grossolani. Migliore dei suoi a muro con 4 blocchi, meno positive le prestazioni in ricezione e attacco.

KUREK 9: Semplicemente mostruoso. In attacco ha una marcia in più rispetto alla media, un pò troppi errori al servizio ma questo giocatore può veramente regalare grandi soddisfazioni ai tifosi della Lube. Al momento sembra essere un acquisto azzeccatissimo.

BARANOWICZ 8: E’ un generoso ed è bello vederlo in campo. Dove non arriva con le qualità, sopperisce con la tenacia. Anche lui al pari di Kurek sembra essere un acquisto molto valido. Due ace e un muro a corredo di una buona prova, giocata su livelli elevati dall’inizio alla fine.

PODRASCANIN 7: Sottotono in attacco ma presente a muro. Serata quasi di riposo per lui con un collega (Stankovic) che vola con percentuali da guinnes.

Alberto_Giuliani (2)LUBE-PERUGIA, LE DICHIARAZIONI DEL POST PARTITA

ALBERTO GIULIANI (allenatore CUCINE LUBE BANCA MARCHE MACERATA): “Siamo stati molto bravi, Perugia è un ottimo gruppo con ottimi giocatori, sicuramente in altre occasioni farà molto meglio di stasera. Meglio per noi che è andata così, almeno già da adesso cominciamo a pensare alla sfida di mercoledì col Novosibirsk. La nota positiva di questa nostra vittoria è stato l’ottimo cambio palla, molto bene con un secondo set quasi al 100%, quella negativa qualche pausa di troppo nella gestione del muro-difesa nel terzo set. La squadra sta crescendo sicuramente nei meccanismi e anche nella condizione fisica di qualcuno dei giocatori. Peccato per l’infortunio di Parodi”.

MICHELE BARANOWICZ: “Abbiamo vinto in maggior parte per meriti nostri, ma c’è stato anche qualche demerito da parte loro. Perugia ha sbagliato tante battute nei primi due set e quindi abbiamo avuto la possibilità di lavorare bene con il cambio palla. Nel terzo set la squadra umbra invece è salita, soprattutto con Atanasijevic al servizio, ma abbiamo tenuto e portato a casa tre punti importanti. Sono contento del premio di miglior giocatore, ma preferisco che lo diano ai miei schiacciatori, così sono più motivati per la partita dopo. Però oggi è stata proprio una bella giornata. L’intesa con i miei compagni sta crescendo,”.

Tifosi_Lube (3)DRAGAN STANKOVIC: “Abbiamo messo in campo un’ottima prestazione, come le altre di questo avvio di campionato. Un buon approccio al match con il servizio e con la difesa. Perugia è una squadra forte, lo sapevamo. Adesso però dimentichiamoci di questa partita e andiamo avanti, mercoledì ci aspetta la Champions League. Oggi abbiamo avuto un bell’atteggiamento, bravi anche nel terzo set a chiudere la partita, non era facile”.

HUBERT HENNO: “Credo che abbiamo giocato due set veramente ad altissimo livello, abbiamo sfruttato bene questo nostro buon momento e siamo stati bravi a chiudere 3-0 nel terzo parziale. Ora pensiamo una partita alla volta, ci aspetta il Novosibirsk in Champions League e sarà un match molto tosto. Dopo giocheremo a Trento, ma prima ovviamente penssiamo ai russi”.

BOBAN KOVAC (allenatore Sir Safety Perugia): “Stasera la differenza l’ha fatta soprattutto il muro, oltre al fatto che probabilmente alcuni dei miei giocatori serbi hanno anche accusato un pò d’emozione trovandosi dall’altra parte i due connazionali e compagni di Nazionale. Perdere a Macerata ci può stare, stasera la Lube è stata sicuramente più forte. Oggi avevamo anche Buti e Barone con qualche problema, adesso la mia preoccupazione principale è di recuperare tutti in vista del prossimo impegno”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X