Irene Manzi verso il debutto in Parlamento
“Noi non siamo la casta”

L'INTERVISTA - La neo deputata del Pd ha lasciato oggi il suo ufficio al Comune di Macerata: "In questo periodo da vicesindaco ho lavorato bene con una Giunta compatta, peccato per le costanti frizioni politiche con la maggioranza. Gli elettori ci chiedono di cambiare"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Irene Manzi lunedì scorso nella sede elettorale del Pd in attesa dei risultati elettorali

Irene Manzi lunedì scorso nella sede elettorale del Pd in attesa dei risultati elettorali

 

di Matteo Zallocco

“Con un pò di malinconia si iniziano a vuotare gli scaffali” scrive oggi su Facebook la neo deputata Irene Manzi che sta per lasciare Macerata per entrare sugli scranni di Montecitorio. In Parlamento non troverà Fini, Di Pietro, Buttiglione ma in compenso è stato rieletto Scilipoti. Contenta?
“Di Scilipoti? Diciamo che sono più contenta di conoscere altre persone”.

Per esempio?
”Nel Pd ci sono bei nomi da conoscere, ad esempio la vice sindaco di Vicenza Alessandra Moretti, ma anche altri”.

C’è anche l’esercito di parlamentari del 5 Stelle…
“Li dobbiamo conoscere, sono debuttanti come me. Come ho avuto modo di vedere in questi 3 anni da amministratrice bisogna conoscersi con le persone per dare dei giudizi e poter superare una diffidenza iniziale. Ci sono molti nuovi anche nel Pd e la percentuale anagrafica si è abbassata”.

Ci sono anche molte donne nel Pd…
“Il 40% di donne in Parlamento credo sia un risultato straordinario”.

Dunque qualcosa di nuovo nel Pd c’è. Merito di Renzi?
“Il messaggio di rinnovamento di Renzi è stato giusto e ha portato degli effetti  indubbiamente positivi come l’elezione di più donne e più giovani”.

Irene Manzi1E con Renzi candidato premier sarebbe stato più facile vincere e governare…
“In generale penso che la storia non si fa mai con i se e quella di Bersani è stata una scelta fatta dagli stessi elettori, hanno votato più di tre milioni di persone, la partecipazione non si è limitata soltanto agli iscritti. Penso che con Renzi la situazione di oggi non sarebbe stata tanto diversa, magari avrebbe intercettato tanti elettori ma ne avrebbe persi altri a sinistra e anche all’interno del Pd”.

Il fenomeno 5 Stelle, però, è stato sottovalutato…
“Forse sì, non abbiamo colto fino in fondo gli effetti del malcontento e la voglia di cambiare. Il Pd ha accettato una sfida di cambiamento e con le primarie si è messo in discussione ma forse non siamo stati capaci di far capire all’esterno che anche noi al cambiamento ci abbiamo creduto e che non rappresentiamo la casta intesa in senso lato”.

Cosa dovrebbe fare ora Bersani per garantire la governabilità? Quali punti del programma del 5 stelle possono essere condivisi?
“Dovremmo presentarci in Parlamento con i punti chiave tra cui i temi più cari al 5 stelle: costi della politica, un uso più razionale delle risorse ambientali, riduzione del consumo del territorio, riduzione (e non dimezzamento, ndr) del numero dei parlamentari. Ma il tema del lavoro dovrà restare al centro dell’azione politica, i dati Istat di oggi fotografano una situazione sempre più preoccupante”.

 

Irene Manzi e il neo senatore Mario Morgoni festeggiano l'ingresso in Parlamento

Irene Manzi e il neo senatore Mario Morgoni festeggiano l’ingresso in Parlamento

Una delle prime cose da fare per il nostro territorio?
“L’allentamento del Patto di stabilità che riguarda tutti i comuni d’Italia. Poi vorrò anche rappresentare il punto di vista maceratese sulla riforma delle Province che deve essere fatta ma con un dialogo costruttivo con il territorio, non basandosi solo su criteri numerici”.

Questo voto che riflessi avrà sugli equilibri politici del territorio?
“Indurrà sicuramente il Partito Democratico a una riflessione sugli errori fatti e le strategie da attuare, cogliendo anche l’opportunità di cambiare ancora di più. Penso ci sia ancora bisogno dei partiti ma devono riformarsi e superare questo senso di distacco che avvertono i cittadini sia a livello nazionale che a livello locale. Bisognerà aprirsi ad una forte campagna di tesseramento, stare sempre di più tra la gente e aprirsi alle nuove tecnologie, prendendosi anche le critiche” .

Insomma essere più presenti nelle piazze e su internet. Quello che ha fatto Grillo…
“In questo è stato più bravo, ma la sfida più difficile è costruire”.

Quali sono gli aspetti positivi di questa esperienza amministrativa da vice sindaco di Macerata?
“Progetti concreti come Palazzo Buonaccorsi, proprio stamattina abbiamo presentato il biglietto unico su cui abbiamo lavorato per due anni per avere un circuito di valorizzazione turistica. Poi ho un ricordo straordinario della Notte dell’Opera e dello Sferisterio pieno”.

Qualche rammarico?
“Faccio un po’ di autocritica sulle questioni del centro storico, un percorso che ancora non si è concluso come avrei voluto, ma è stato instaurato un dialogo positivo che presto dovrà trovare una concretizzazione a partire dall’attuazione della pedonalizzazione di Corso Matteotti”.

Non si sente un po’ più libera ora che è uscita da un’Amministrazione comunale in perenne verifica?
“No, perché è stata un’esperienza intensa, ho trascorso quasi tre anni al fianco di persone con cui mi sono trovata benissimo sia a livello lavorativo che umano: questa Giunta è un gruppo forte e coeso. Certo, ci sono stati molti momenti di tensioni politiche che potevano essere evitati e non nascondo che queste verifiche sono troppo lunghe. Mi auguro che il momento attuale serva a superare definitivamente queste criticità. Il voto del 24 e 25 febbraio ha dimostrato che i cittadini non possono continuare ad essere spettatori di certi siparietti, bisogna mettere definitivamente da parte personalismi e pensare unicamente ai problemi della città”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X