La grande ammucchiata dei locali storici

La proposta, inizialmente pensata per tutelare osterie e spacci della regione è stata allargata anche ad altri esercizi commerciali. Ne sono stati censiti 431 in 90 comuni, critico l'architetto Bonifazi
- caricamento letture
Misure-di-vino-in-oro-18-kt.-1971-Archivio-Bulgari-Collezione-Vintage

La fojetta, proposta come simbolo dall'architetto Bonifazi

di Filippo Ciccarelli

Alla fine ognuno ha trovato il suo posticino nella storia. L’iniziativa per valorizzare i locali, appunto, “storici” delle Marche è arrivata ad un punto avanzato, con la conclusione del censimento operato nei comuni di tutta la regione. La proposta, che ha come primo firmatario il consigliere regionale Enzo Marangoni, parte da un’idea di Leonardo Lippi, attuale assessore provinciale della giunta Pettinari, che raccolse l’idea dell’architetto Gabor Bonifazi (leggi l’articolo).
“Ma io volevo valorizzare i locali storici, le osterie, gli spacci, le locande, non gioiellerie e ferramenta” spiega Bonifazi “anche perché mi sarei aspettato al massimo un’ottantina di locali in tutta la regione. Invece, nei 90 comuni censiti nelle Marche, sono stati segnalati 431 locali storici. Mi sembrano decisamente troppi”.
Effettivamente, a scorrere la lista degli esercizi commerciali censiti in provincia di Macerata, balzano all’occhio alcune sorprese. La parte del leone è affidata a Potenza Picena, in testa con 14 locali storici censiti: Treia e Visso, con 8 locali a testa, battono perfino il capoluogo fermo a 7.  Caldarola, Monte San Giusto e Porto Recanati sono ferme a 6, mentre in fondo alla classifica troviamo Cingoli, Civitanova, Corridonia, Matelica, Montecosaro, Muccia, Pievebovigliana, Pieve Torina, San Ginesio e Serrapetrona.

LOCALE-STORICO_LANTE31CC202-300x213

Il logo scelto dalla Regione

Ma le novità non riguardano solo i criteri, diciamo più “morbidi”, per permettere il censimento di diverse tipologie di negozi ed esercizi commerciali storici. Anche il logo è stato modificato, e dalla tradizionale “fojetta” si è passati alla lanterna, simbolo più neutrale e meno sbilanciato a favore delle osterie per cui l’architetto Bonifazi si era speso così tanto al momento di lanciare l’idea per una legislazione regionale.

Questi i locali storici censiti nel comune di Macerata:

Osteria  dei  Fiori, Bar Cuppoletti, La Cimarella, Lu Spaccittu, Società del Giardinetto, Angelucci  Eredi  e Trattoria  Da  Ezio.

tabella-comuni

I locali storici nei comuni della provincia che hanno partecipato al censimento

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =