Consumo di suolo a Macerata
Diminuisce la popolazione
Triplica il cemento

L'INCHIESTA - Dal 1984 al 2010 il suolo consumato è passato dal 2,90% al 9,50%. Il Piano Vigente prevede circa 3.300 nuove unità abitative che potrebbero ospitare 9.000 abitanti ma la crescita demografica è notevolmente inferiore
- caricamento letture

MACERATA_2010_espansioni-300x235Continua l’analisi sulla situazione dei Comuni maceratesi in termini di consumo di suolo degli architetti Andrea Renzi e Ilenia Pierantoni, autori di una tesi dal titolo “Consumo di suolo nella Bassa Valle del Chienti. Tecniche di analisi e strumenti di governo”. Dopo i comuni di Corridonia (leggi l’articolo) e Civitanova (leggi l’articolo), l’esame prosegue con quello di Macerata

di Ilenia Pierantoni
e Andrea Renzi
(con la collaborazione di Marta Massetani e Riccardo Picciafuoco)

“Inutile dividere i mali italiani in compartimenti stagni: la morte della politica da una parte, l’informazione ammaestrata o corriva dall’altra, le speculazioni edilizie da un’altra ancora. Tutte queste cose sono ormai legate, fanno un unico grumo di misfatti e peccati d’omissione che mescola vizi antichi e nuovi. È l’illegalità che uccide l’Italia politica e anche quella fisica, la sua stima di sé, la sua speranza, con tutti i vizi che all’illegalità s’accompagnano: la menzogna che il politico dice all’elettore e quella che ciascuno dice a se stesso, il silenzio di molte classi dirigenti su abusivismo e piani regolatori rimaneggiati, il territorio che infine soccombe

(Barbara Spinelli, Il grande sacco dell’Italia, La Stampa, 4 ottobre 2009)

MACERATA_2010-300x235Il Comune di Macerata si sviluppa su una superficie territoriale complessiva di 9232 ettari. Ha una popolazione di 43.019 abitanti (dati Istat 2011), con una densità media di 463,9  ab/kmq, distribuita tra il centro capoluogo e le frazioni di Sforzacosta, Villa Potenza e Piediripa.

L’analisi relativa al Consumo di Suolo evidenzia come ad oggi sia stato consumato il 9,50% dell’intera superficie comunale. A questo dato andrebbero aggiunte le superfici relative all’intero sistema infrastrutturale e gli insediamenti sparsi, difficilmente quantificabili ma che potrebbero presumibilmente portare l’indice di copertura di suolo intorno al 15%.

Il trend relativo allo sviluppo della crescita insediativa evidenzia un quadro analogo in termini temporali agli altri Comuni che compongono la Bassa Valle del Chienti, con percentuali che si innalzano di molto nel periodo 1954 – 1985 in cui sono stati costruiti la metà degli edifici presenti. Questo dato evidentemente è in linea con la crescita economica e demografica avvenuta nei decenni successivi al secondo conflitto mondiale. Il periodo successivo (1984-2010), caratterizzato dalla diminuzione della popolazione, ha continuato a vedere una crescita edificatoria costante.

Un dato emergente ed allarmante è quello indicativo della dotazione di superfici ancora potenzialmente edificabili: il suolo comunale, infatti, potrebbe essere edificato per ulteriori 228 ettari (1), passando quindi dal 9,50% di suolo consumato al 11,40% .

Anno

Popolazione

Suolo Consumato

% di suolo consumato sulla Sup.Comunale

1954

  33.137  Ab.

30 Ha

3,20 %

1984

44.166 Ab.

267 Ha

2,90 %

2001

40.875 Ab.

803 Ha

8,70 %

2010

43.019 Ab.

880 Ha

9,50 %

Previsioni di espansione   PRG vigente al 2010*

1047 Ha

11,40 %

* esclusa Variante Minitematica e Piano Casa regionale

MACERATA_2001-300x235Cercando, anche in questo caso, il conforto dei numeri per quanto riguarda lo sviluppo edificatorio, se da un lato la crescita demografica media si aggira sull’ordine dello +0,5% annuo, le quantità di crescita, o purtroppo in questo caso decrescita, relative al mondo economico non si avvicinano minimamente alle previsioni di piano relative alle aree industriali e commerciali previste, quantificabili in circa  80 ettari, in parte anche in fase di realizzazione.

Analizzando le “schede comunali” elaborate dalla Camera di Commercio di Macerata, relative al Comune capoluogo, ci accorgiamo che a fronte di 4802 imprese registrate (dato 2011), di queste solo 4264 risultano essere attive, mentre il saldo delle nuove iscrizioni (338) è negativo rispetto alle cessazioni(345).

Un altro elemento interessante che si può estrapolare dai dati disponibili è quello “abitanti insediabili” previsti dal Piano Regolatore.

La volumetria a destinazione residenziale prevista dal Piano Vigente e in parte realizzata è la seguente:

–        215.454 mc dagli accordi di programma

–        671.827 mc dal Piano Casa Comunale

–        109.000 mc dalla Variante Minitematica

MACERATA_1984-300x235La volumetria totale è pari a 996.281 metri cubi complessivi a cui vanno aggiunti i non meglio quantificabili “incentivi volumetrici” previsti dal Piano Casa regionale.

Come abbiamo già detto la popolazione residente attuale è di 43.019 abitanti (Istat 2011), le unità abitative sono 21.996 di cui 214 inutilizzate (banca dati Comunale)

La volumetria prevista dal Piano Vigente corrisponde, utilizzando formule standard, alla realizzazione di circa 3.300 nuove unità abitative di media grandezza che potrebbero ospitare potenzialmente circa 9.000 abitanti.

Si consideri che negli ultimi dieci anni la popolazione dei residenti a Macerata è cresciuta di sole 2.091 unità (dati Istat)!

Altro aspetto delle previsioni pianificatorie che andrebbe considerato è quello qualitativo ma questo meriterebbe un’ampia trattazione a parte; basti pensare al fatto che anche a Macerata le più recenti grandi espansioni (ben visibili nei grafici allegati) sono state previste nelle immediate vicinanze dei fiumi principali (Chienti e Potenza) e a ridosso di beni architettonici di eccezionale pregio (San Claudio al Chienti) con tutte le conseguenze negative che ciò può comportare in termini di aggravio dei carichi ambientali, collasso dei sistemi infrastrutturali e perdita di qualità paesaggistica.

MACERATA_1954-300x235Probabilmente, alcune di queste scelte localizzative dovrebbero essere riviste, magari innescando processi di co-pianificazione con i limitrofi comuni (Corridonia in primis) che dimostrano di avere problematiche simili e di contiguità.

E’ evidente che la spasmodica crescita insediativa realizzata o in previsione, sia di matrice residenziale o produttiva, non rispecchia le reali esigenze che il territorio comunale richiede e invece rischia di oltrepassare quella soglia di sostenibilità che tecnicamente possiamo indicare come Carrying capacity”; ovvero la capacità di carico antropico (nella più ampia accezione che si possa dare a questo termine) che questo o quel territorio è capace di sopportare.

In questo Comune, come negli altri analizzati, siamo molto probabilmente alle soglie di questo limite, e comunque non sono rintracciabili evidenze che possano darci motivo di credere che l’ulteriore consumo di suolo, risorsa non rinnovabile, sia una pratica ancora sostenibile per far sviluppare le nostre città.

La città, con le sue propaggini amorfe e indifferenti, è un organismo energivoro, che richiede sempre maggiori risorse economiche. Edificare su nuovi suoli “vergini” significa anche realizzare nuove infrastrutture, nuovi impianti di illuminazione pubblica, nuove reti di drenaggio delle acque meteoriche, un aumento del consumo di risorse, oltre al saccheggio senza fine del suolo agricolo.

MACERATA_1895-300x235Ma chi paga tutto questo? I nostri amministratori ci spiegheranno che sono gli oneri di urbanizzazione e la fiscalità immobiliare a finanziare i servizi. In realtà stiamo iniziando oggi a capire che nel lungo periodo i costi di questo modello insediativo basato su espansione-dispersione urbana (Sprawl), cresceranno sempre di più e andranno a sommarsi all’enorme debito pubblico che il nostro paese ha.

Tali costi saranno sempre più a caricati sulla collettività che dovrà utilizzare gran parte dei propri redditi per finanziare servizi sempre meno efficienti e per vivere in luoghi sempre meno accoglienti.

Se a questo si aggiunge che la crescita presente e futura di questa come di tante altre città è il frutto di una sommatoria di varianti parziali progettate al di fuori di una visione strategica e complessiva, questa crescita già di per sé onerosa può aggravare in maniera esponenziale i deficit strutturali dei nostri sistemi urbani (mobilità, gestione rifiuti, gestione servizi alla persona e istruzione).

Infine la domanda cruciale che ogni cittadino dovrebbe porsi è: “le scelte di governo del territorio, legate alle sole e solite regole di mercato possono garantire quell’equilibrio economico e sociale che andrebbe perseguito in questo ciclo di forte crisi economica?” La risposta ci sembra chiara e implicita.

E’ tempo di introdurre nuove pratiche e nuove politiche con adeguato sostegno finanziario:

–  costruire nel costruito, ripensando i tessuti edilizi del secondo dopoguerra, fermando il consumo di suolo;

–  riconvertire le strutture con tecniche di bio-edilizia e a basso consumo energetico;

–  valorizzare le tradizioni e le produzioni locali;

–  valorizzare la città ricreando luoghi collettivi, puntando alla rinascita dei centri storici;

–  sviluppare una rete del trasporto pubblico efficace ed incentivare la realizzazione di percorsi per la “mobilità dolce”, ad elevata sostenibilità ambientale;

–  rendere migliori e “citizen friendly” le nostre aree industriali e produttive;

 

“La terra non è eredità ricevuta dai nostri Padri, ma un prestito da restituire ai nostri figli”.

 

 

 

 

 

 

(1) Dati aggiornati al 2010



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X