Nulla di fatto per la Giorgini
Il ricorso è stato rinviato a maggio

L'azienda impugna anche la delibera relativa ai silos della Mochi. I legali di Comune e comitati hanno chiesto il rispetto dei 45 giorni previsti dalla legge per le controdeduzioni.Di nuovo in aula il 10 maggio
- caricamento letture
Valleverde_1-300x225

Valleverde, la zona dove sarebbe dovuta sorgere la Giorgini

 

di Alessandra Pierini

Il Suap Giorgini dovrà ancora attendere per conoscere il suo destino. Il Tar Marche ha infatti disposto il rinvio della valutazioni al prossimo 10 maggio, accogliendo così la richiesta di Alessandro Lucchetti, legale del Comune di Macerata. In effetti le ditte ricorrenti Industrie Giorgini S.r.l. e Giorgini Claudio & C. S.n.c., assistite dagli avvocati Francesco De Leonardis, Ranieri Felici e Paolo Giustozzi,  avevano già impugnato la delibera del Consiglio Comunale che ha respinto la variante al piano regolatore  per l’insediamento dell’azienda insalubre di classe A in contrada Valleverde a Piediripa ma hanno poi depositato motivazioni ulteriori, ricorrendo anche verso un’altra delibera, sempre relativa a un Suap, questa volta però avviato dall’azienda di prodotti agricoli e zootecnici di Mauro Mochi. Il 27 settembre 2011, infatti, il consiglio comunale di Macerata ha approvato una delibera che ha dato un pre-parere positivo sulla realizzazione di  16 silos, poi ridotti ad 8, necessari per l’ampliamento della ditta.

 

Claudio-Giorgini

Claudio Giorgini

Industrie Giorgini S.r.l. e Giorgini Claudio & C. S.n.c hanno visto nella richiesta della Mochi delle analogie con la loro richiesta e per questo hanno impugnato la delibera ma, secondo l’avvocato Lucchetti, non hanno rispettato il termine previsto dalla legge. Gli atti infatti devono essere depositati 45 giorni prima della seduta per permettere eventuali controdeduzioni. Anche i comitati che si sono costituiti parte attiva nel processo e che sono assistiti dall’avvocato Gianfranco Borgani hanno chiesto il rinvio in quanto non hanno ricevuto nessuna notifica del deposito dei motivi aggiuntivi da parte della Giorgini. Presente nell’aula del Tar Marche di Ancona anche Graziano Pambianchi, legale del propietario del terreno sul quale dovrebbe sorgere la Giorgini.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X