Lavori al Palas: nessuna novità
Un altro Suap a Piediripa

Approvato in Consiglio il pre-parere per l'ampliamento dell'azienda Mochi che si trova vicino all'area dove sarebbe dovuta sorgere la Giorgini. Il sindaco ha risposto all'ordine del giorno di Guzzini: "I lavori di ampliamento al Fontescodella potrebbero essere fatti durante la pausa campionato tra novembre e dicembre"
- caricamento letture
IMG_00131-300x225

Alcuni tifosi della Lube in Consiglio

di Alessandra Pierini

In consiglio si torna a parlare di Suap. Dopo la ben nota vicenda Giorgini (il consiglio comunale approvò una delibera che non permetteva all’azienda di costruire in un’area all’ingresso della citta,  poco lontana dall’insediamento produttivo di Valleverde, attualmente al vaglio del Tribunale Amministrativo) e l’approvazione di un regolamento relativo alla procedura che prevede un pre – parere da parte del consiglio, si è discusso in aula delle richieste della ditta Eurospin per un’area in via dei Velini e un’altra dell’azienda di prodotti agricoli e zootecnici di Mochi Mauro in contrada Valleverde. Semaforo verde per entrambe le richieste ma la delibera relativa alla ditta Mochi, nelle immediate vicinanze della Giorgini, ha inevitabilmente richiamato e riaperto vecchie questioni e ha animato il dibattito. La Suap Eurospin ha ottenuto 13  voti favorevoli della maggioranza e da Ivano Tacconi capogruppo dell’Udc e 12 astensioni, quelle della minoranza, Pierpaolo Tartabini de La Sinistra per Macerata, Luciano Borgiani della Federazione della Sinistra e Stefano Blanchi dei Comunisti italiani per la Federazione della sinistra.

IMG_00161-300x225

L'intervento di Claudio Carbonari (Pdl)

Il pre-parere sull’ampliamento dell’azienda Mochi (che chiedeva di realizzare 16 silos necessari per la sua ttività) ha ottenuto il voto favorevole della maggioranza e di Ivano tacconi (Udc), si è astenuta la minoranza, il Pdl è uscito dall’aula.  La commissione Ambiente e Territorio ha posto  dei paletti alla costruzione: «L’azienda  – ha spiegato Luigi Carelli, presidente della Terza Commissione – non dovrà costruire più di 8 silose dovrà rispettare la distanza di 20 metri dalla sede stradale». Il consigliere Claudio Carbonari (Pdl) ha espresso le sue motivazioni di contrarietà alla delibera: «Ci apprestiamo a dare parere negativo in una zona che ha visto diniego sofferto con la Giorgini. Non vorrei che siano decisioni  improntate più all’ideologia che alla logica comportino conseguenze gravi. Abbiamo detto no alla Giorgini perché avrebbe comportato problemi al traffico e a tutta l’area di Piedirpa. L’impresa Mochi ha chiesto in questo caso la realizzazione di 16 silos di 18 metri di altezza e 12 metri di diametro ed ha tutte le ragioni ma io mi sento in difficoltà ad approvare questa delibera. Ritengo che un pre-parere positivo possa essere utile in questo contesto per il rigetto della delibera Giorgini, attualmente in esame al Tar. Non vorrei che questo fosse un modo per far rientrare la Giorgini dalla finestra e per far decidere il giudice amministrativo sulla vicenda». IMG_00141-300x225Netta la risposta del sindaco Romano Carancini: «Siamo in una fase precedente all’approvazione e credo che la contraddizione tra Giorgini che voleva costruire 90.000 metri cubi  e Mochi che invece vuole solo ampliarsi non sia riscontrabile». In seguito alle dichiarazioni del Sindaco, il Pdl ha deciso di abbandonare i banchi come preannunciato dalla dichiarazione di voto di Carbonari: « Usciremo dall’aula al momento del voto in quanto il sindaco è sempre abile a non rispondere alle domande. Non mi ha risposto in nessun modo. Non possiamo votarlo finchè l’amministrazione non darà un indirizzo preciso e chiaro su quell’area, una pianificazione seria».

A questo punto, è entrata in aula una delegazione di tifosi della Lube che con tanto di bandiere e sciarpe, biancorosse come le maglie della Maceratese, i cui giocatori hanno varcato  invece ieri la soglia del  Palazzo Comunale per chiedere la ripresa dei lavori del Campo di Collevario (leggi l’articolo). Hanno voluto assistere alla discussione dell’ordine del giorno presentato dal consigliere Marco Guzzini sull’ampliamento del Palas di Fontescodella (leggi l’articolo). «Il palazzetto ha 2400 posti  – ha ripercorso la storia Guzzini – mentre le norme federali richiedono 3.500 posti. La Lube ottenne a maggio una deroga eccezionale per disputare la semifinale a Macerata a patto che fosse realizzato l’ampliamento necessario. A luglio il sindaco ci informò sulle possibili soluzioni.  Dopo 2 mesi mi ritrovo con l’appoggio di tutta l’opposizione a chiederle la soluzione definitiva. Tutti sanno anche che c’è una penale che la Lube dovrà pagare in caso di mancato adempimento». Il sindaco IMG_00171-300x225Carancini ha illustrato lo stato attuale della questione: « L’amministrazione nel rispetto del Consiglio sta lavorando per ricercare una soluzione, le possibilità sono l’ampliamento che costerebbe  2milioni e 500 mila euro o l’ adeguamento con intervento non strutturale di un costo compreso tra tra i 500 e i 600 mila euro. Stiamo verificando nei dettagli. La novità importante è che la Lube oggi è disponibile a partecipare. Tutto questo sarebbe soggetto a un percorso di gara. Siamo attenti al fatto che  il campionato ha una pausa tra novembre e dicembre durante la quale si potrebbero fare i lavori». Mentre Fabio Massimo Conti (Lista Conti Macerata Vince) ha ricordato l’occasione persa quando Macerata non si è candidata per essere sede di partite dei mondiali di volley, Narciso Ricotta(Pd) ha ricordato il ruolo prioritario del nuovo palasport a Villa Potenza e Pierfrancesco Castiglioni(Pdl) ha tuonato: «Sindaco, lei ha ripetutamente promesso cose che non può mantenere». L’ordine del giorno che impegnava il Sindaco ad informare l’assise cittadina  sulla soluzione definitiva da adottare è stato votato all’unanimità. Stefano Machella del Collettivo Biancorosso, storico tifoso della Lube, presente in aula, ha commentato: «Non vogliamo continuare ad andare in giro per la Regione a sostenere la nostra squadra. Il momento opportuno per prendere una decisione è questo. Attendiamo fiduciosi che vengano mantenute le promesse fatte».
IMG_00181-300x225Al termine dell’assise  Marco Guzzini commenta l’approvazione del suo ordine del giorno: «Chiediamo al Comune di accorciare i tempi e crediamo ci sia la possibilità anche per l’ammortamento dei costi. la Lube potrebbe avere una convenzione di utilizzo più lunga e con la gestione ventennale ad esempio coprire i costi». Fabio Massimo Conti (Lista Conti) ha sottolineato la gravità del problema: «Il problema degli impianti sportivi è molto grave. Ieri abbiamo avuto la Maceratese ma presto avremo altre società visto che non si è pensato ad una alternativa valida al campo dei salesiani che ormai non esiste più».
Ieri il Consiglio ha detto sì anche alla delibera sullo stato di attuazione dei programmi e dei provvedimenti straordinari per la salvaguardia degli equilibri del bilancio 2010 (20 i voti a favore della maggioranza e 13 i contrari della minoranza) e su quella inerente invece ad alcune variazioni al bilancio di previsione 2011 e a quello dell’Istituzione Macerata Cultura. Con 30 voti a favore (maggioranza e minoranza e 2 astensioni, quelle dell’Udc) l’assise cittadina ha dato il via libera anche al provvedimento relativo alla modifica dell’art. 28 dello statuto comunale riguardante il Consiglio delle donne che verrà costituito dalle rappresentanti delle istituzioni che al loro interno prevedono organismi di parità.
Non è invece arrivato in Consiglio l’ordine del giorno del consigliere Francesca D’Alessandro sulla scuola di via Panfilo(leggi l’articolo) che, firmato solo da Fabrizio Nascimbeni, Giorgio Ballesi, Fabio Massimo Conti e Marco Guzzini non ha raggiunto le 10 firme necessarie per essere discusso.
IMG_00071-300x225Prima del consiglio il Sindaco Romano Carancini ha anche accolto la carovana della Pedalata dei Trapiantati, nata per dimostrare che la vita continua anche dopo il trapianto.
***
Sul caso-Apm (leggi l’articolo) l’assessore Canesin fa alcune precisazioni: «Il mio riferimento all’estrema sinistra è limitato al comportamento del consigliere Michele Lattanzi che da quando è iniziata l’Amministrazione Carancini non ha fatto altro che danneggiare l’immagine del centro-sinistra. Dalla Federazione della Sinistra mi aspetterei una presa di distanza nei confronti delle dichiarazioni dello stesso Lattanzi e un maggior sostegno all’Amministrazione che da un anno e mezzo sta lavorando per il bene della città. Ho apprezzato molto le dichiarazioni rilasciate a Cronache Maceratesi dall’assessore Pantanetti che ha già preso le distanze da certi comportamenti».

IMG_00081-300x225

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X