La Maceratese apre le porte
all’azionariato popolare

Il Dg Maria Francesca Tardella illustra il progetto che prevede anche di rendere pubblico il bilancio della società
- caricamento letture

Tardella-2-300x221

di Andrea Busiello
L’idea è bella. Attuarla non sarà facile ma di sicuro è diventato un obiettivo importante nell’agenda di Maria Francesca Tardella. Il direttore generale della Maceratese  ha pensato di proporre un azionariato popolare per la prossima stagione.  “Qualche mia collega mi dice che la notte a me serve per pensare e non per dormire. Bhè, è da diverso tempo che ho in mente una cosa ed è arrivato il momento di renderla pubblica – dice con soddisfazione la stessa Tardella – A fine stagione vorrei proporre un azionariato popolare per far si che il tessuto venga allargato a più persone possibili e che la Maceratese possa avere 1, 10, 100 o 1000 soci. L’idea è al vaglio della società da qualche tempo e con commercialisti e professionisti del settore stiamo valutando come meglio fare per attuare questa cosa”.

Allo stato attuale delle cose ci sono delle priorità che arrivano prima dell’azionariato popolare: “In questo momento dobbiamo vedere che fine faranno le quote di Mosca. Entro qualche mese ufficializzeremo l’ingresso in società di alcuni imprenditori maceratesi che sono vogliosi di buttarsi in questa nuova esperienza. Verranno divise le quote societarie di modo che una quota che possa oscillare dall’1 al 5% sia riservata per l’appunto all’azionariato popolare. La cifra sarà simbolica ma vogliamo ciò, per far si che intorno alla Maceratese ci sia sostegno, vigilanza e trasparenza. Sostegno da parte di tutta la città per sentirsi tutti protagonisti, vigilanza e trasparenza invece per quello che riguarda la questione economica, per rendere il più trasparente possibile il lavoro della dirigenza della Maceratese”.  La dottoressa Tardella sta insomma pensando di rendere pubblici i bilanci della Fulgor Maceratese con tutte le voci connesse a entrate e uscite.

Intanto però bisogna conquistare la salvezza in campo in questo finale di stagione per poi ripartire con obiettivi più prestigiosi nel prossimo torneo d’Eccellenza: “E’ ovvio che ora la cosa più importante è che la squadra faccia un finale di campionato che ci possa permettere di progettare il prossimo campionato d’Eccellenza”. Domenica all’Helvia Recina arriva il Real Montecchio ed i biancorossi devono mostrare i progressi visti a Villa San Filippo per ottenere il successo pieno e distanziarsi il prima possibile dalle zone calde della classifica.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =