Parte l’avventura della Virtus Pasqualetti
Il sogno è lo scudetto

GINNASTICA ARTISTICA - Al via il campionato di serie A, presentata la squadra maceratese
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Virtus-Pasqualetti

La formazione della Virtus Pasqualetti al gran completo

di Andrea Busiello

Due anni fa fu terzo posto, la scorsa stagione seconda piazza. E per quest’anno? L’ambizione massima è quella di diventare campioni d’Italia ma la Virtus Pasqualetti lo dice a voce bassa, con tono fioco e con la speranza che il sogno di una vita si possa tramutare nella realtà. E’ stata presentata nella splendida cornice del Bar Filoni a Piediripa la stagione della formazione maceratese che anche per quest’anno sarà protagonista nel campionato di serie A1 di ginnastica artistica a squadre. Il gruppo della passata stagione è stato riconfermato in toto e sono state aggiunte alcune pedine che possano aiutare a fare il salto di qualità. Oltre ai riconfermati Matteo Gentili, Andrea Cingolani, Paolo Principi e Giacomo Del Bianco si sono aggiunti alla truppa anche Carlo Macchini, Melvin Mennichelli e Leonardo Rocchetti. Il coach sarà ancora il russo Sergio Kasperskyy, su di lui è bene spenderci qualche parola dato che sono 13 anni consecutivi che ricopre questo ruolo che in ambito sportivo rappresentano un vero e proprio record per un coach, ad eccezione di Sir Alex Ferguson allenatore-manager del Macester United nel calcio, è davvero difficile trovare allenatori che lavorano per così tanti anni consecutivi nella stessa formazione. L’esordio avverrà oggi pomeriggio al Palarossini di Ancona dove è prevista la prima gara del campionato, poi il 5 marzo si gareggerà a Bari, il 16 aprile a Padova ed il 14 maggio a Firenze. Ad aprire lo scenario è stato il presidente Marco Morresi che, con fare raggiante, ha proferito parole di lode per tutti: “Essere qui a presentare un’altra stagione di serie A1 per noi rappresenta un motivo di grande vanto. Prima di tutto perchè i ragazzi sono tutti nostrani e cresciuti nel nostro settore giovanile – sull’aspetto tecnico il numero uno del sodalizio maceratese non si tira indietro – Abbiamo una squadra giovanissima ma sappiamo di avere delle qualità notevoli. Siamo al terzo anno in A1, nella prima occasione siamo arrivati terzi, l’anno scorso vice campioni d’Italia e quest’anno cercheremo di ottenere un risultato di grande spessore”. La parola Scudetto è più un sogno al momento che una reale ipotesi ed allora nessuno vuole svelare il sogno nel cassetto della Ginnastica Virtus Pasqualetti: “Se oggi siamo qui a presentare una squadra ai nastri di partenza del massimo campionato nazionale è principalmente per merito del tecnico Sergio Kasperskyy, perchè con lui i ragazzi sono cresciuti tantissimo sotto tutti i punti di vista e sono davvero fiero di averlo per la tredicesima stagione consecutiva come nostro allenatore. Posso tranquillamente dire che Kasperskyy è il Ferguson della Virtus Pasqualetti”. Le note dolenti non mancano, come le difficoltà per le strutture ma anche su questo tema il patron Morresi ringrazia l’amministrazione comunale: “Stiamo vivendo un momento difficile in ambito economico ed è inutile nasconderlo, però noi dobbiamo dire grazie alla nostra amministrazione comunale per l’appoggio che ci ha sempre dato ed il sostegno quotidiano nella nostra attività. Oggi parte l’avventura del 2011, la speranza è quella di arrivare più in alto possibile”. Talvolta, sport minori come la ginnastica artistica non vengono citati a dovere per l’abnegazione ed il sacrificio che c’è dietro ogni singolo atleta, ogni singolo allenamento. La vittoria più bella è quella di vedere questi ragazzi della nostra città portare in giro per la nazione il nome di Macerata nel massimo campionato di ginnastica artistica. Se poi arrivasse il tanto sospirato Scudetto, allora si che si tratterebbe di un miracolo a tutti gli effetti. In bocca al lupo Virtus!



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X