facebook twitter rss

L’ultimo saluto a Enzo Baldoni

Dopo sei anni i funerali del cronista rapito e assassinato in Iraq. Da Visso il padre, Antonio Baldoni, aspettava da tempo questo giorno
sabato 27 Novembre 2010 - Ore 17:29 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
811 Condivisioni

La famiglia di Enzo Baldoni con il padre Antonio

A più di sei anni dalla sua morte, è stato celebrato nella piccola chiesa di Santa Maria della Pietà di Preci (Perugia) il funerale di Enzo Baldoni, il giornalista free lance di 56 anni rapito e ucciso in Iraq il 26 agosto del 2004 dagli uomini di Al Qaeda.

Commozione anche nella vicina Visso, dove vive il padre di Enzo, Antonio Baldoni, 89 anni.

In tutti questi anni non si è mai rassegnato all’idea che la salma restasse in Iraq. Voleva un luogo dove andare a piangere suo figlio.

Il feretro è arrivato dall’istituto di medicina legale di Roma dove i resti del giornalista, riportati dall’Iraq, si trovavano dall’aprile scorso. Alla cerimonia hanno preso parte la famiglia di Baldoni e praticamente tutto il paese di Preci. Con loro il sindaco Pietro Bellini, con il gonfalone, e molti rappresentanti delle istituzioni locali e di categoria. Presenti anche diversi colleghi di Baldoni, tra cui Giuliana Sgrena. Sulla bara di legno chiaro un cuscino di fiori, i soli presenti per volere della famiglia che ha deciso di raccogliere fondi da destinare a un orfanotrofio a Nazareth.

Il funerale è celebrato dal parroco di Preci don Luciano Avenati. Al termine della cerimonia la salma è stata tumulata nel piccolo cimitero della frazione di Saccovescio.

Giusy Bonsignore, la vedova di Enzo Baldoni,  ha preso brevemente la parola al termine del funerale che si è celebrato oggi pomeriggio. “Devo confessarvi – ha detto – che quando ho avuto la conferma che si trattava effettivamente di Enzo mi era venuta voglia di una funzione privata ma ora sono contenta che ci sia tanta gente. Vorrei ringraziarvi uno per uno”.

Antonio Baldoni

UCCISO NEL 2004, RESTI IN ITALIA 6 ANNI DOPO – Enzo Baldoni, giornalista free lance di 56 anni, scomparve il 20 agosto del 2004 a Latifia in Iraq dove si trovava con accredito del settimanale Diario. Quattro giorni dopo la tv Al Jazeera trasmise un video con le immagini del cronista in cui l’Esercito islamico dava un ultimatum di 48 ore all’Italia per lasciare l’Iraq. Il 26 agosto Baldoni venne ucciso dai rapitori e l’immagine del suo volto ormai privo di vita viene pubblicata su un sito riconducibile all’Esercito Islamico. L’indagine condotta dai carabinieri del Ros, coordinati dalla procura di Roma, ha quindi confermato con ragionevole certezza che il giornalista fu rapito e ucciso dagli uomini dell’Esercito islamico in Iraq, un gruppo che operava nella zona di Falluja legato e finanziato da Abu Musab Al Zarqawi, all’epoca responsabile di Al Qaida in Iraq. Il corpo del giornalista non venne inizialmente consegnato alle autorità italiane ma i resti sono stati individuati dopo lunghe e complesse ricerche.

Anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in più di un’occasione, aveva rinnovato l’appello affinché si facesse di tutto per riconsegnare il corpo alla famiglia. Il primo frammento osseo di Baldoni, arrivò in Italia ad agosto del 2005 portato dall’allora commissario della Croce Rossa Maurizio Scelli. Due mesi prima proprio a Scelli erano stati consegnati altri resti, ma i test di laboratorio esclusero la compatibilità del codice genetico estratto dai reperti umani con quello del padre del giornalista ucciso.

Giusy Bonsignore, la vedova di Enzo Baldoni


Nel corso degli anni successivi, dall’Iraq sono arrivati altri frammenti del corpo e anche in questo caso, in più di un’occasione, si è trattato però di reperti non compatibili con il Dna di Baldoni. Poi, all’inizio dell’aprile scorso, la svolta grazie all’impegno del Ros e degli uomini dell’Aise con l’arrivo in Italia di ciò che restava della salma. Sono stati quindi i carabinieri del Ris a compararne il Dna e ad accertare la sua identità. Oggi i funerali a Preci dove Baldoni era cresciuto e dove vive parte della sua famiglia.

(FOTO DI GUIDO PICCHIO, VIETATA LA RIPRODUZIONE)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X