Bianchini è un fiume in piena:
“Vi spiego perché può nascere
la grande alleanza di centro”

Deluso dal Pd, l'assessore alla cultura ha pronta l'alternativa
- caricamento letture

Bianchini Massimiliano

di Mauro Montali
Se, a destra, Fabio Pistarelli è “infuriato”, è difficile, a sinistra, trovare gli aggettivi per definire lo stato d’animo di Massimiliano Sport Bianchini, assessore uscente alla cultura. Indignato? Sconcertato? Oppure semplicemente inc…? Fate un pò voi.
In una parola: è deluso, e molto, per l’atteggiamento del Pd. Poi vedremo tutti i perchè. Al momento, limitiamoci a potenziare la notizia (che il nostro giornale aveva anticipato e che ha fatto nascere una grande discussione a Macerata e dintorni) secondo la quale il terzo polo di centro potrebbe essere realtà nel giro di brevissimo tempo. “Non è affatto un’ipotesi peregrina” dice un alto esponente di centrosinistra che è preoccupato e non solo, rispetto alla nascita di questo nuovo e inedito rassemblement che potrebbe sconvolgere gli equilibri della politica maceratese.

Ivano Tacconi, capogruppo dell’Udc in Consiglio comunale, si sta lavorando ai fianchi, elegantemente ma anche con quella grinta che gli è propria, Giorgio Ballesi, Anna Menghi, Maurizio Mosca e, ovviamente, lo stesso Bianchini per costituire un’unica lista o, in subordine, una coalizione di liste civiche sotto l’egida dell’Udc. Il capolista, ovvero il candidato sindaco, ancora non è stato individuato. “Ci stiamo pensando, ci stiamo pensando, non si preoccupi” ci dice con fare sicuro Tacconi. L’obiettivo, ultraambizioso, sarebbe quello di vincere le elezioni. Più realisticamente, il target possibile è quello di condizionare da vicino, più di quanto non abbia fatto,per esempio, “Città Viva” di Mosca e compagni, il fare  (o anche il disfare) dell’ amministrazione prossima, ventura. Magari quella di un centrosinistra rinnovato e discontinuo rispetto alla governance complessiva di Meschini e compagni. Il Pd, per esempio, non può certo tradire l’iniezione di fiducia che i cittadini gli hanno immesso nelle vene con le primarie di domenica. “Anche perchè – avverte  il capogruppo dell’Udc –  l’attuale centrodestra assomiglia a quello antico, a quello che storicamente ha fatto harakiri”. Un gruppo di liste civiche, dunque, “che sappiano aggregare tutti coloro che vogliono bene a questa città”. Insomma, anche se al momento non c’è  niente di ufficiale o di definitivo, le cose, al centro, sono in grande movimento. “Domani (mercoledì ndr) andrò a Roma con Anna Menghi per le celebrazioni di padre Matteo Ricci. Ci parlerò a lungo” confida il buon Tacconi. E aggiunge: “Non dispero di farla parlare, quanto prima, con il segretario nazionale dell’Udc, Lorenzo Cesa”.
E, adesso, ascoltiamo i cahiers de doleances di Massimiliano Bianchini. “Cercavo la trasparenza. Non c’è. Il Pd fa orecchie da mercante.” Eppoi? “Vogliamo parlare del tavolo programmatico? Non emerge un’idea attorno alla città. Primarie di coalizione? Dicano una data se le vogliono fare.  Oppure le vogliono fare in casa propria e basta? Anche qui lo dicano…”. Bianchini è un torrente in piena e si fa fatica a fermarlo. In ogni caso  è fortemente determinato ad andare per la sua strada. E buon per lui che Tacconi gli abbia offerto una sponda importante, una sorta di Pd-exit, nel caso le cose si mettano al peggio. “Giovedì avremo un incontro con i Democratici, poi decideremo. E rimetterò tutto all’assemblea di Pensare Macerata che, lei non ci crederà, è sovrana”.
Ma c’è dell’altro. “Quel che il Pd non vuol capire è che questa coalizione è debole. Il centrosinistra rischia, anzi è quasi certo, di perdere sei liste collegate”. Quali, con esattezza? “L’Udeur, i socialisti, i repubblicani, quelle di Ds e Margherita, Città Viva ed infine Rifondazione comunista. In totale sono più di duecento candidati che portano inevitabilmente voti “.
Eccola qui, dunque, la possibilità che il grande centro non sia affatto un’idea peregrina. Il centrodestra è in sofferenza e così pure il Pd. La suggestione del terzo polo diventa giorno dopo giorno più vicina alla realtà.

Nella foto di Guido Picchio: Massimiliano Bianchini durante l’incontro di giovedì scorso tra gli aspiranti sindaci organizzato da Cronache Maceratesi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =