Mastronunzio salva l’Ancona,
retrocede il Rimini

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

mastronunzio

Dopo quattro anni nel campionato cadetto, il Rimini retrocede in Prima Divisione. A condannare la squadra di Guido Carboni è un gol al 34′ del secondo tempo di Salvatore Mastronunzio (nella foto), che già all’andata ad Ancona era risultato decisivo realizzando la rete del pareggio.

ANCONA DETERMINATO — Ed è proprio al pareggio che punta il Rimini, che in virtù del miglior piazzamento nella regular season resterebbe in B anche in caso di match pari. L’Ancona scende in campo con grande determinazione e domina la prima frazione di gioco. Al di là di una conclusione di Docente respinta da Da Costa e di un tiro sghembo di Pagano da buona posizione, il Rimini nei primi 45′ subisce la maggiore pressione degli ospiti: al 10′ Surraco impegna per la prima volta Agliardi con un tiro radente da fuori area; al 19′ ci prova Colacone e l’estremo difensore del Rimini blocca. Al 27′ Agliardi respinge con i pugni un tiro di Surraco e al 40′ è Miramontes a sfiorare il gol con un sinistro a girare su punizione che si spegne di poco a lato.

MASTRONUNZIO-GOL — Nella ripresa è ancora l’Ancona a fare la partita, ma il Rimini si fa più intraprendente in contropiede: al 3′ Da Costa blocca un bel destro di Catacchini; risponde l’Ancona all’11’ con una conclusione di Surraco fermata da Agliardi. La squadra di Carboni si fa più intraprendente: al 13′ Ricchiuti, da buona posizione, calcia male e facilita il compito del portiere ospite. Cinque minuti dopo il Rimini spreca un match-point:: Frara pesca bene in mezzo all’area Docente, che tutto solo calcia debolmente addosso a Da Costa. Poi è solo Ancona: Soddimo ci prova al 19′ e Agliardi respinge; al 25′ gran sinistro in diagonale di Colacone, sulla respinta di Agliardi Eusepi non riesce a intervenire; due minuti dopo Surraco entra in area da destra e ci prova con un bel diagonale, Agliardi respinge in corner. Il pressing dell’Ancona dà i suoi frutti al 34′: palla messa a centro area e colpo di testa vincente di Mastronunzio, che fa esplodere i numerosissimi tifosi arrivati dalle Marche. Il “Romeo Neri” è gelato. Il Rimini ha dieci minuti di tempo per puntare al gol-salvezza, ma la difesa ospite chiude bene e controlla senza affanni: Ancona salvo, Rimini in Prima Divisione.

(Fonte: Gazzetta dello Sport).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X