Dialettandoci, i proverbi di febbraio

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

di Fabio Macedoni

Febbraio, la notte e ‘l giorno a paro.
(Febbraio, la notte ed il giorno sono di uguale durata)

Febbrarittu, scòrteca l’asinu e lu caprittu.
(Febbraiuccio scortica l’asino ed il capretto)

Chi vanga de febbrà, fa grandurchi e grà.
(Chi vanga di febbraio raccoglierà granturco e grano)

Cannelòra, de l’inverno sêmo fòra; se cce negne, se cce piôe ce n’avem quarandanove; se cce dà sole e solellu, c’è quaranta dì d’inverno.
(Candelora, dall’inverno siamo fuori; ma se nevica o se piove ce ne abbiamo ancora 49 di giorni brutti; se c’è sole o mezzo sole ci sono ancora 40 giorni di inverno)

S. Agata, beata la merenda ritornata.
(S. Agata, 5 febbraio, la merenda ritornata: si trovano di nuovo i funghi)

Per San Valindino primavera sta vicino.
(Per San Valentino, 14 febbraio, primavera è vicina)

Se trona a li tandi de febbrà, a li tandi de marzu negne.
(Se tuona in un qualsiasi giorno di febbraio nel successivo mese di marzo, negli stessi giorni, nevicherà)

Febbraio febbrarolo, d’ogni ‘cellu rpone l’ovo.
(A febbraio ogni uccello depone l’uovo)

www.dialettandoci.it



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X