Giovi, il vice Corsano
si fa trovare pronto

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

giovi1-300x267

di Andrea Busiello

Il successo a discapito dell’ex capolista Trento non è passato di certo inosservato tra gli addetti ai lavori e così la Lube, proprio in vista della final eight della Coppa Italia, ha liquidato con un sonoro 3-0 la compagine trentina e si è candidata per un ruolo di prestigio nella competizione che detiene in bacheca avendola vinta nella scorsa edizione in quel di Milano. In vista dei prossimi appuntamenti abbiamo sentito il parere di Andrea Giovi che per gran parte della stagione è stato a guardare i compagni e che invece ora si ritrova a giocare match di spessore come è successo contro Trento e come succederà in Champions domani al Fontescodella contro la Stella Rossa.

Giovi partiamo dal match vinto contro Trento. Che emozione ha suscitato in lei?

“Sicuramente notevole anche se a dire il vero non sentivo poi così tanto la sfida. Vincere contro una squadra come Trento è sempre una grande soddisfazione. In battuta siamo stati davvero bravi e da lì è partita la nostra partita in senso positivo”.

E’ stata una partita mozzafiato, ha mai avuto paura di sostituire Corsano in un match di tale spessore?

“No. Sin dall’inizio della stagione ho dato sempre il mio contributo negli allenamenti ed ora sono stato chiamato in causa e sono felice di aver fatto bene anche se sostituire Mirko non è mai semplice. Ora mi auguro di dare sempre questo contributo alla squadra”.

Domani affronterete la Stella Rossa che non si è rivelata certo un osso duro ma per arrivare primi nel girone e evitare le corazzate negli ottavi dovrete sperare in risultati da due campi….

“Una sfida difficile perchè giocheremo contro una squadra che non ha nulla da perdere e perciò dovremo stare molto attenti. Noi dal canto nostro dobbiamo vincere 3-0 e sperare che Palma rubi un set ai belgi ma prima di tutto dovremo concentrarci sul nostro incontro e sono convinto che non sarà poi così facile”.

A breve arriva la Coppa Italia, quali sono le favorite secondo lei?

“La Coppa è una manifestazione a sè perchè si riparte tutto da 0 e tutte le squadre sono alla stessa altezza. Credo però che Macerata, Trento e Cuneo abbiano qualcosa di più e potrebbe essere una di queste la squadra che alzerà il trofeo a Forlì. Io mi auguro che saremo noi”

Domenica andrete a far visita ad un cliente davvero scorbutico, qual è Verona. Che partita sarà?

“Una gara difficile ma noi non abbiamo paura di nessuno. In vista della Coppa Italia è di certo un match interessante ma noi dovremo cercare di fare bottino pieno in casa degli scaligeri, anche se il loro ruolino interno è importante”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X