La diocesi di Macerata cambia nome:
San Giovanni diventa cattedrale,
Madonna della Misericordia patrona

MACERATA - Papa Francesco ha firmato il decreto che definiva queste nuove denominazioni. Il vescovo Nazzareno Marconi «Non è solo una questione di nomi, ma la conferma dell’indicazione che nella Chiesa bisogna camminare verso il futuro, verso una sempre più grande unità».

- caricamento letture
SanGiovanni_FF-31-650x434

La chiesa di San Giovanni riaperta lo scorso 17 dicembre

La Diocesi di Macerata si ridefinisce. in un solo colpo cambia nome, da “Diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia” a “Diocesi di Macerata”, la Collegiata di San Giovanni diventa cattedrale unificata e l’unica patrona è la Madonna Mater Misericordiae. Ad annunciarlo è la diocesi stessa che ripercorre l’iter che ha portato a questi cambiamenti. 

CupolaSanGiovanni

La cupola di San Giovanni

«Fin dal 2019 la nostra diocesi, su sollecitazione della Congregazione per i vescovi, per completare il processo di unificazione iniziato nel 1987 ha ipotizzato di cambiare il nome, da “Diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia” a “Diocesi di Macerata”. Il cardinale Marc Ouellet, all’epoca prefetto della Congregazione per i Vescovi, data l’antichità delle Diocesi di Tolentino, Recanati, Cingoli e Treia, propose di metterle a disposizione come sedi titolari per altri vescovi, come già la vecchia diocesi di Urbisaglia, sede titolare del segretario di papa Benedetto XVI e prefetto della Casa Pontificia, monsignor Georg Gänswein. Per indicare che questa nuova denominazione di “Diocesi di Macerata” voleva onorare allo stesso modo tutte le ex-diocesi, si suggeriva poi che la Cattedrale unificata fosse la Collegiata di San Giovanni, mentre tutte le altre ex-cattedrali sarebbero diventate Ecclesia maior di ogni santo patrono e quindi in italiano: “Duomo di San Giuliano” a Macerata, “Duomo di San Catervo” a Tolentino, “Duomo di San Flaviano” a Recanati, “Duomo di Santa Maria Assunta” a Cingoli, “Duomo della Santissima Annunziata” a Treia».

Marconi_SanGiovanni_FF-9-325x217

Il vescovo Nazzareno Marconi

Questo progetto è stato lungamente esaminato e valutato dalla Nunziatura in Italia e dalla Congregazione dei Vescovi ed il 17 dicembre 2022, lo stesso giorno in cui padre Matteo Ricci ha ricevuto il decreto di venerabilità, Papa Francesco ha firmato il decreto che definiva queste nuove denominazioni, confermando anche l’unica patrona della Diocesi nella Madonna Mater Misericordiae.

«Il vescovo Nazzareno Marconi – prosegue la nota –  nel ringraziare il Papa ed il cardinale Ouellet, che pochi giorni fa ha concluso il suo lungo servizio in Vaticano, ha commentato: «Non è solo una questione di nomi, ma la conferma dell’indicazione che nella Chiesa bisogna camminare verso il futuro, verso una sempre più grande unità, avendo cura di conservare e venerare il ricordo bello del nostro passato di fede».

Riapre la chiesa di San Giovanni (Foto) «E’ bella come la basilica di San Pietro» E Padre Matteo Ricci diventa venerabile

La prima messa di Natale nella chiesa di San Giovanni Il vescovo racconta una favola di pace

La chiesa di San Giovanni 25 anni dopo, «Riaprirla è stata una Mission impossible»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X