Silvia Mereu e il figlio Mattia
diretti dai nonni, travolti dal fiume
Senza esito le ricerche dei dispersi

BARBARA - Oltre 100 uomini del Soccorso Alpino, sommozzatori dei vigili del fuoco e dei carabinieri, continuano per il terzo giorno a setacciare la zona, anche di notte, ma di Brunella Chiu e del piccolo Mattia di 8 anni non vi è ancora alcuna traccia nonostante sia stata sondata un'area da 15 chilometri rispetto al punto di impatto dell'onda di fango, detriti e macerie
- caricamento letture

ricerche-dispersi-Barbara-7-325x244

 

di Alberto Bignami 

Sono proseguite anche oggi le ricerche dei due dispersi a Barbara: il piccolo Mattia di 8 anni, figlio della farmacista Silvia Mereu; e di Brunella Chiu, mamma della 17enne Noemi Bartolucci rinvenuta morta nella zona di Corinaldo.
Tre giorni purtroppo senza, al momento, alcun esito.
Ricerche che però proseguono «senza sosta e sfruttando la finestra di meteo favorevole» fa sapere il Soccorso Alpino e Speleologico che ha «più di cento uomini impegnati nelle operazioni che si sono concentrate lungo il fiume e nelle aree circostanti gli argini, con Tecnici di Soccorso Forre provenienti da Marche, Umbria, Liguria, Puglia, Veneto, Lazio, Basilicata e Sardegna impegnati a scandagliare il letto del fiume e Piloti Sapr giunti da Alto Adige, Piemonte e Valle d’Aosta a supporto dei tecnici marchigiani».
Ricerche che vedono anche l’impegno dei sommozzatori sia dei vigili del fuoco che dei carabinieri.
La zona viene setacciata palmo a palmo con difficoltà immense, utilizzando anche droni e l’elicottero Drago dei vigili del fuoco.

ricerche-dispersi-Barbara-5-300x400

Le ricerche dei dispersi a Barbara

I soccorritori procedono ricostruendo e basandosi sulla dinamica di quel tragico giovedì notte quando Silvia Mereu si trovava in auto con il figlio di 8 anni, Mattia. Insieme stavano viaggiando a bordo della Mercedes Classe A quando questa è stata travolta da un muro di tronchi, rami e vegetazione varia, spinta e seguita dall’ondata del fiume Nevola.
La donna stava percorrendo la Sp12, diretta verso casa dei genitori, e stava tornando dalla farmacia.
In zona San Pietro di Arcevia, avrebbe svoltato per una stradina che era solita fare per tagliare.
Tutto è stato improvviso perché in quel momento, in quella zona, sembra non stesse piovendo.
L’ondata li ha travolti in pieno, trascinando l’auto per quasi un chilometro.
Poche centinaia di metri dopo il punto d’impatto con l’onda, la donna sarebbe riuscita a venir fuori dall’auto e a prendere con sé il bimbo, attraverso il finestrino perché era impossibile aprire lo sportello. Tutto questo avveniva intorno alle 20.
Mamma e figlio sono stati poi divisi dalla potenza dell’acqua che ha strappato il piccolo dalle braccia della madre. Mattia, bimbo autistico, era riuscito a tenersi aggrappato ad un albero poi, più nulla. La donna aveva riferito di avergli visto il terrore negli occhi anche se non riusciva a dire nulla.
Le grida di aiuto della mamma hanno permesso di portare in salvo lei, ora ricoverata all’ospedale di Senigallia, trovata aggrappata ad un cumulo di detriti e macerie portati dal fiume, mentre gridava ‘aiuto’.
Le ricerche proseguono incessanti, senza fermarsi nemmeno di notte, arrivando anche a 15 chilometri da dove i due erano scomparsi.

2-3-650x488

Le ricerche dei dispersi a Barbara

1-7-650x488

Le ricerche dei dispersi a Barbara

ricerche-dispersi-Barbara-7-650x488

Le ricerche dei dispersi a Barbara

ricerche-dispersi-Barbara-8-650x488

Le ricerche dei dispersi a Barbara

ricerche-dispersi-Barbara-9-650x488

Le ricerche dei dispersi a Barbara

ricerche-dispersi-Barbara-2-650x488

Le ricerche dei dispersi a Barbara

ricerche-dispersi-Barbara-3-650x434

Le ricerche dei dispersi a Barbara

ricerche-dispersi-Barbara-4-650x577

Le ricerche dei dispersi a Barbara

Ricerche via cielo e terra a Barbara per il piccolo Mattia e Brunella «Speriamo sia il giorno del ritrovamento»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X