Il post derby accende la moviola:
«Palla entrata, quello di Ripa era gol»
«Viziato da fallo di mano e fuorigioco»

MACERATESE - CIVITANOVESE - I biancorossi reclamano per la svista del guardalinee e mostrano il fermo immagine con il pallone che ha varcato la linea di porta. I rossoblu rispondono con un'altra inquadratura degli istanti precedenti. Critiche a Crocioni e Trillini. L'esultanza del sindaco Ciarapica
- caricamento letture

 

gol-non-gol-ripa-alessandroni-derby

Il fermo immagine pubblicato dalla Maceratese: Alessandroni respinge il colpo di testa di Ripa

di Michele Carbonari

«Clamorosa svista del guardalinee sullo 0 a 0». È il secco post della Maceratese, che sul proprio profilo Facebook torna sul gol non gol nel derby che ha visto protagonista Ripa ad inizio secondo tempo: il calciatore della Maceratese colpisce di testa a pochi passi dalla riga e il difensore della Civitanovese Alessandroni respinge al limite della linea di porta. Sui social è virale il fermo immagine dell’episodio “da moviola”. Secondo l’assistente Serafino Marchei della sezione di Ascoli la palla non è entrata, per questo la direttrice di gara Samira Curia, sempre della sezione picena, ha lasciato correre il gioco. Il match poi si è concluso con la vittoria rossoblu proprio al 90′ grazie al gol di Luca Balloni (leggi l’articolo). Dalla sponda biancorossa, soprattutto sui social, invocano il gol.

Sospetto-fuorigioco-di-Perez-sulla-spizzata-di-Tittarelli

La Civitanovese recrimina perché l’episodio è viziato da un dubbio fuorigioco di Perez sulla spizzata di Tittarelli

Non si fa attendere la riposta della Civitanovese, con un comunicato della società. «Anche noi abbiamo il nostro fermo immagine. Sta circolando quello relativo alla respinta di Alessandroni sul colpo di testa di Ripa, che evidenzia il forte dubbio, non la certezza, che potesse trattarsi di un gol non gol. Per correttezza di informazione c’è da dire che l’azione in questione nasce da un cross di Perez servito dalla spizzata di Tittarelli e in netta posizione di fuorigioco. Come si vede dal fermo immagine – prosegue la nota rossoblu -. Tra l’altro, appare abbastanza evidente anche il controllo con la mano del calciatore maceratese. Perciò in questa azione ci sono state delle sviste dell’assistente e dell’arbitro? Si. Se avesse sbandierato il sacrosanto fuorigioco tutto il resto sarebbe stato vano. Questa nostra nota sta a significare che non accettiamo che un episodio giudicato parzialmente svilisca la nostra vittoria. La Maceratese ha giocato una grande partita e ha avuto due tre occasioni da rete. Noi abbiamo fatto gol, un gran gol che ci ha regalato una vittoria storica. Ci sono stati annullate 12 marcature in questa stagione e abbiamo vissuto episodi negativi incredibili, in particolare a Capodarco e Corridonia. Se per una volta abbiamo raccolto qualcosina in più del meritato non crediamo sia una colpa e soprattutto il credito con gli episodi avversi rimane».

Crocioni__Maceratese_FF-10-325x217

Alberto Crocioni

Ora la Maceratese ha subìto il sorpasso in classifica della Civitanovese e si ritrova al quinto ed ultimo posto utile (40 punti) per disputare i playoff. I quali sono in bilico, perché da regolamento non devono esserci più di dieci lunghezze di distacco rispetto alla seconda in graduatoria, attualmente il Monturano Campiglione (a quota 48). C’è dunque malumore nella piazza biancorossa, che sfocia nei social. Nella pagina ufficiale della Maceratese c’è chi spinge ad andare oltre e superare il ko (Renato Valenta: «Peccato, comunque sempre forza Maceratese» e Gianluca Urbani: «Guardare avanti è cosa giusta ma perdere in casa il derby che da sempre costituisce un appuntamento clou, certo lascia la piazza rumoreggiante, al novantesimo poi…») e chi invece critica il presidente Alberto Crocioni. Così Giorgio Spernanzoni («Complimenti Crocioni, l’unico record di cui ti puoi fregiare è aver perso il derby in casa. È ora passata che a casa ce vai tu») e Marco Santinelli («Vi prego di smettere di giustificare l’ingiustificabile, così come di continuare ad usare foto del passato relativo a una storia che nonostante non vi appartenga, avete già ampiamente disonorato. L’unica scelta sensata che potete assumere è smettere al più presto di rappresentare un blasone di cui non siete neppure lontanamente degni di legare i vostri nomi. Basta basta basta».

Derby_Maceratese_Civitanovese_FF-2-325x225

L’altro salvataggio sulla linea di porta della Civitanovese ad opera di Balloni

Sostenitori attivi pure nella pagina Facebook “La sportiva”, che ricorda come «dopo 67 anni la Civitanovese torna a vincere a Macerata e per la prima volta nella sua storia vìola l’Helvia Recina. L’unica precedente affermazione era datata 1955, sempre nel campionato di Promozione, 2-1 al campo dei Pini». Anche in questo caso accuse alla terna arbitrale. Ma c’è chi punta il dito anche su mister Sauro Trillini. Niente sconti per patron Crocioni, bersagliato da critiche e invitato a portare il titolo in Comune.

Parcaoli_Ciarapica_Derby_FF-2-325x217

I sindaci Fabrizio Ciarapica e Sandro Parcaroli ieri all’Helvia Recina

Tutt’altro umore invece a Civitanova, dove festeggia il sindaco Fabrizio Ciarapica. «Vittoria storica. Nella storia del derby la Civitanovese non aveva mai vinto in casa della Maceratese. È successo e la gioia è incontenibile – scrive su Facebook il primo cittadino -. Le vittorie inseguite, sudate, a lungo agognate sono sempre le più belle. Una grande e memorabile vittoria per la squadra e per la città. Il derby è la partita per eccellenza, un appuntamento da sempre vissuto con particolare emozione e tensione dai tifosi rossoblù e dalla città. Non potevo mancare ed ho accettato subito l’invito del sindaco di Macerata Sandro Parcaroli ad assistere insieme alla partita. Complimenti a tutti, alla società, all’allenatore e ai giocatori per averci dato questa grande gioia e ai meravigliosi tifosi che hanno supportato e incitato la squadra con cuore e passione. Sempre forza Citanò. Forza vecchio cuore rossoblu».

Festa rossoblu al Polisportivo (Foto) Squadra accolta con cori e fumogeni La gioia di patron Profili e mister Vagnoni

«Gol preso nell’unico tiro in porta e avevamo un uomo a terra, era un fallo da fischiare»

Balloni al 90′ beffa la Maceratese, il derby si tinge di rossoblu (Foto) Prima gioia Civitanovese all’Helvia Recina

Chiesanuova a un passo dall’Eccellenza, Aurora Treia sciupa l’aggancio playoff, Trodica e Corridonia: vittorie salvezza

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =