Centro commerciale Simonetti, Ricotta:
«Parcaroli porti la variante in Consiglio,
non giochiamo a nascondino»

MACERATA - Il capogruppo del Pd accusa il sindaco di ignavia. Il consigliere regionale Carancini: «Noi siamo stati massacrati di critiche per questo progetto, ora tacciono tutti». Lo definisce una follia David Miliozzi (Macerata Insieme): «La giunta non faccia la furba per evitare il confronto con la città»
- caricamento letture
progetto-centro-commerciale-simonetti-1-e1634831771577-650x313

Il progetto del nuovo centro commerciale di Piediripa presentato dai fratelli Simonetti

 

«Sul centro commerciale Simonetti il sindaco assuma una posizione, basta con questa ignavia». L’appello arriva da Narciso Ricotta, capogruppo del Pd in Consiglio comunale dopo l’intervento del sindaco di Macerata Sandro Parcaroli. Il primo cittadino ha detto ieri di non poter fermare la pratica, anticipando che potrebbe non passare neanche in Consiglio comunale.

rosato-macerata-ricotta

Narciso Ricotta, capogruppo Pd

Su questo Ricotta non ci sta: «Quella ipotesi di progetto ha bisogno di una variante, è un atto che deve passare in Consiglio comunale. L’amministrazione però deve decidere cosa vuole fare e assumersi la responsabilità della sua scelta. Quando la variante arriverà in Consiglio noi prenderemo la nostra ferma posizione, ma non si può giocare a nascondino».

Il consigliere regionale Romano Carancini, a margine della conferenza di oggi sul bilancio della Giunta Acquaroli (leggi l’articolo), ricorda le feroci critiche ricevute sul centro commerciale Simonetti: «Cosa dicono quei politici che nella scorsa legislatura ci hanno massacrato su questo tema? Ora nessuno ha nulla da dire e questo mi sorprende. E’ un po’ la stessa cosa che è accaduta per il Convitto, finché abbiamo governato abbiamo ricevuto infinite proteste, ora dove sono finiti tutti?».

Miliozzi_FF-6-325x217

David Miliozzi

Lo definisce “una follia” David Miliozzi, consigliere di Macerata Insieme: «Se questo è il modello di sviluppo che la politica cittadina ha in testa, non abbiamo futuro. Cemento, profitto, mancanza di idee e di visione. Quest’atto va portato in Consiglio comunale, la giunta non faccia la furba per evitare il confronto con la città.
Noi diciamo No a un nuovo centro commerciale a Piediripa». Miliozzi ricorda l’emendamento votato nel 2019 che invitava l’amministrazione ad evitare l’insediamento del centro commerciale. «Dove sono i consiglieri che votarono questo emendamento? Oggi alcuni di loro sono diventati assessori e hanno cambiato idea, ne risponderanno alla loro coscienza e ai loro elettori. In tutto il mondo si parla di transizione ecologica, abbiamo bisogno di una rivoluzione culturale e politica, c’è bisogno di progettazione, di lungimiranza, e a Macerata che succede? L’ennesima follia anni ’80, si va avanti con un progetto di più di venti anni fa senza accorgersi che il mondo nel frattempo è cambiato, si va avanti “a testa bassa”, anzi con la testa sotto la sabbia, contro qualsiasi ragionevolezza, senza una benché minima idea di sviluppo sostenibile, anzi si persegue l’insostenibilità ambientale, economica e sociale, senza rendersi conto che siamo su una nave che sta affondando».

(a. p.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X