E’ morto monsignor Luigi Conti:
è stato per dieci anni
vescovo della diocesi di Macerata

LUTTO - Aveva 80 anni, si è spento questa mattina all'ospedale Murri. Il funerale sarà celebrato a Fermo, in cattedrale, sabato 2 ottobre alle 10
- caricamento letture

 

luigi-conti

Monsignor Luigi Conti

 

Una voce limpida, un uomo dalla cultura immensa, che non ha mai mancato di accogliere, ma anche di chiamare alla riflessione la politica, rimproverando quando il mondo andava in una direzione diversa da quella della legge del cuore. Si è spento questa mattina all’ospedale Murri di Fermo monsignor Luigi Conti, vescovo di Fermo e di Civitanova. Una notizia che ha rattristato i fedeli che lo ricordano come un uomo minuto ma dal carattere volitivo. Monsignor Conti era nato nel 1941 ad Urbania, ha frequentato il liceo e gli studi filosofici e teologici nel pontificio Seminario Regionale “Pio XI” di Fano. Ha conseguito la licenza in teologia presso la Pontificia Università Lateranense negli anni 1967-1968 dove ha acquisito anche il dottorato. Ordinato presbitero nel 1965 per la diocesi di Urbania e Sant’Angelo in Vado, dal 1978 al 1988 è stato incardinato nella diocesi di Roma dove ha svolto il ministero di parroco del Santissimo Sacramento a Tor de’ Schiavi, quartiere Prenestino. Il ritorno nelle Marche è datato 1996 eletto alla sede di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia e ordinato Vescovo il 21 settembre 1996, con inizio del ministero episcopale in Diocesi il 28 settembre 1996. Il 13 aprile 2006 è stato eletto Arcivescovo Metropolita di Fermo. Ha ricoperto nella sua missione numerosi e prestigiosi incarichi: membro della Commissione Episcopale della Cei per il clero e la vita consacrata, membro della Commissione mista Vescovi religiosi istituti secolari, Presidente della Conferenza episcopale marchigiana dal 2005 al 2015. Dal 3 giugno al 27 settembre 2013, fu anche amministratore apostolico “sede plena” di Ascoli a causa dell’aggravarsi delle condizioni di salute dell’allora vescovo Silvano Montevecchi che venne ricoverato a Imola nell’aprile 2013. Dopo la morte di Montevecchi, monsignor Luigi Conti diventò “amministratore apostolico sede vacante” di Ascoli. E fu proprio lui, il 12 aprile 2014 ad annunciare nell’Episcopio di Ascoli la nomina del nuovo vescovo Giovanni D’Ercole. Dal 14 settembre 2017, a seguito dell’elezione ad arcivescovo di Fermo di Monsignor Rocco Pennacchio, aveva assunto l’incarico di amministratore apostolico e Arcivescovo Emerito. Il funerale sarà celebrato a Fermo, in cattedrale, sabato 2 ottobre alle 10.
L’Arcivescovo di Fermo, Rocco Pennacchio, invita alla preghiera per monsignor Luigi Conti, Arcivescovo emerito, che ha raggiunto la Casa del Padre dopo aver compiuto l’ultima parte della vita unendosi più strettamente a Cristo nella sofferenza generata dalla malattia, vissuta con la riservatezza che lo contraddistingueva.
«Monsignor Conti – scrive il vescovo –  è stato il Pastore accorto e sapiente che ha accompagnato le persone a lui affidate ai verdi pascoli della pienezza di vita in Cristo. La sua è stata una guida pastorale attenta e discreta. Ringraziamo il Signore, in particolare, per l’amore alla Parola che in modo speciale ha saputo spezzare per l’edificazione del Popolo di Dio, lo spirito di paternità verso i presbiteri e specialmente i diaconi permanenti, che ha costantemente accompagnato negli anni del suo ministero e l’attenzione a nuove forme di vita apostolica».

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X