Dante Ferretti torna a Macerata,
il museo resta nel “cassetto” (Foto)

MACERATA - Il tre volte premio Oscar ha incontrato gli assessori (il sindaco in video-collegamento dall'ospedale): «Sono stato invitato qui dopo l’incontro a Roma, dicono che vogliono fare un museo con le opere della mia carriera». Poi scherza: «Mi danno due milioni». L’assessore Cassetta non rivela eventuali passi in avanti: «C’è la reciproca volontà a pensare a un progetto concreto, ma è importante ci siano i presupposti economici e organizzativi per realizzarlo». Il maestro tornerà per la prima dell'Aida
- caricamento letture

 

DanteFerretti_FF-10-650x433

Dante Ferretti lungo Piaggia della Torre assieme alle assessore Francesca D’Alessandro e Katiuscia Cassetta

 

di Luca Patrassi (foto di Fabio Falcioni)

L’invito a cura del Comune è per le 11 di oggi, il tre volte premio Oscar Dante Ferretti è in città per discutere alcune questioni legate alle attività culturali cittadine e all’ipotesi di un museo che contenga le opere dell’appena citato pluridecorato scenografo maceratese.

DanteFerretti_FF-15-325x217L’appuntamento slitta alle 12 per cause di forza maggiore. Ad attenderlo ci sono quattro assessori, divisi per genere: la vicesindaca Francesca D’Alessandro, l’assessora alla cultura Katiuscia Cassetta e gli assessori del ramo tecnico Silvano Iommi e Paolo Renna. C’è anche il sovrintendente dello Sferisterio Luciano Messi. Ferretti arriva accompagnato da alcuni componenti della famiglia, i nipoti Renata e Federico. La verve è quella solita e si manifesta appena arriva nella “sua” piazza della Libertà, quella attigua alla ex sede di piaggia della Torre della bottega di cornici della famiglia, negozio ora trasferitosi in via Gramsci. A Ferretti si avvicina Iommi: «Ci siano conosciuti venti anni fa, siamo stati assessori insieme» dice l’attuale assessore, con il viso semicoperto dalla mascherina. «Era meglio prima» dice di rimando Ferretti, ma non si capisce se la battuta è per gli anni che sono passati o per le amministrazione che pure hanno fatto il loro corso. Poi si scende piaggia della Torre («questi locali mi pare di riconoscerli» scherza ancora lo scenografo riferendosi ai locali che per lunghi decenni hanno ospitato l’attività dei Ferretti).

DanteFerretti_FF-2-325x217

Katiuscia Cassetta

Poi si entra in Comune e inizia l’incontro a porte chiuse con Ferretti. «Fateci lavorare», dice l’assessora alla cultura Katiuscia Cassetta invitando di fatto i giornalisti ad andarsene. Iommi intuisce che se uno chiama i giornalisti, certo non è per mandarli via senza aver concluso nulla ed invita Ferretti a dire qualcosa prima di affidarsi alla giunta comunale. Dante Ferretti segue il suo filone, tra la battuta al vetriolo e la dichiarazione un po’ più seria. «Che sono venuto a fare oggi a Macerata? Da quel che ne so io, sembrerebbe che forse fanno un museo con le opere della mia carriera. Mi danno due milioni – è la sua battuta – ho detto che va bene, per avere un museo però bisogna morire» dice il premio Oscar che con voce seria aggiunge: «sono stato invitato qui, sono venuto a sentire, era venuto il sindaco a trovarmi a Roma…». Fine della parte pubblica, il gruppo prende l’ascensore ed inizia la riunione negli uffici del Comune in piaggia della Torre.

Alle 17,45 arriva la nota del Comune con le dichiarazioni dell’assessora Cassetta: «Siamo molto soddisfatti dell’incontro di oggi con lo scenografo Dante Ferretti che, invitato dal sindaco alcune settimane fa, non ha mancato di essere oggi a Macerata per parlare di future collaborazioni con la città». All’incontro a Palazzo Conventati ha partecipato in video collegamento  il sindaco Sandro Parcaroli che si trova ricoverato in ospedale.

dante-ferretti-parcaroli

L’incontro a Roma di alcune settimane fa

«Abbiamo incontrato nuovamente Ferretti, dopo l’incontro di alcune settimane fa a Cinecittà, per cercare di mettere insieme personalità di Macerata legate, tramite un rapporto di stima e affetto, a lui e per porre le basi di un progetto da costruire insieme – ha proseguito l’assessore alla cultura -. La volontà del Comune è che ci sia uno scambio reciproco tra ciò che il Maestro può dare alla città e ciò che Macerata può dare a lui».

DanteFerretti_FF-12-325x217

Silvano Iommi e Dante Ferretti

«Come già avevamo ribadito nell’incontro a Roma, la volontà reciproca di pensare a un progetto concreto c’è ma è importante che ci siano i presupposti, economici e organizzativi, per realizzarlo e soprattutto che ci sia una ricaduta virtuosa sul territorio con attenzione ai giovani e a una rinascita nell’ottica turistica e culturale» ha concluso la Cassetta che ha inoltre anticipato che Ferretti tornerà a Macerata per la prima di Aida il 23 luglio.

Dopo l’incontro a Palazzo Conventati Ferretti ha effettuato un sopralluogo presso il cinema Italia e visitato Palazzo Ricci dove sarà allestita una mostra in suo onore dalla Fondazione Carima.

 

 

 

Il sindaco in ospedale: «Infiammazione alla colonna cervicale»

Parcaroli a Roma incontra Dante Ferretti: «Intesa per fare qualcosa di concreto E’ scottato dal fumo di chi mi ha preceduto»

«Avevamo il progetto di Dante Ferretti ma non abbiamo partecipato al bando»

Cinema Corso dedicato a Dante Ferretti Il premio Oscar torna e dà l’ok «Bello qui, si può fare» (Foto-Video)

DanteFerretti_FF-16-650x433

 

DanteFerretti_FF-14-650x433

DanteFerretti_FF-13-650x433

 

DanteFerretti_FF-11-650x433

DanteFerretti_FF-5-650x433

DanteFerretti_FF-6-650x433

DanteFerretti_FF-7-650x433

DanteFerretti_FF-8-650x433

DanteFerretti_FF-9-650x433

 

DanteFerretti_FF-4-650x433

DanteFerretti_FF-3-650x433

 

DanteFerretti_FF-1-650x433



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X