Appignano “Città che legge”

RICONOSCIMENTO del Cepell al Comune, l'assessore Federica Arcangeli: «E' motivo di grande soddisfazione ed orgoglio»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
appignano

Una vista dall’alto di Appignano

 

Il comune di Appignano è stato insignito in questi giorni della qualifica di “Città che legge”, titolo che le è stato conferito per la prima volta dal Cepell (Centro per il libro e la lettura), un istituto autonomo del Mibact, che d’intesa con l’Anci, vuole promuovere e valorizzare, con la suddetta qualifica, le amministrazioni comunali che si impegnano a svolgere con continuità, politiche pubbliche atte a promuovere la lettura sul proprio territorio. «Questo riconoscimento è motivo di grande soddisfazione ed orgoglio per la nostra amministrazione – afferma l’assessore alla cultura Federica Arcangeli di concerto con il sindaco Mariano Calamita– che da tempo svolge un lavoro costante e proficuo nell’ambito della promozione della lettura, anche in collaborazione, nella realizzazione di progetti e di iniziative, con le scuole locali dell’Ic “Luca Della Robbia”, con l’associazione culturale Prometeo, che gestisce la Biblioteca comunale e con il gruppo volontari Nati per Leggere. L’amministrazione ha investito, investe e investirà nella valorizzazione e promozione della lettura, affinché tutti i cittadini, ma soprattutto i bambini e i giovani, diventino sempre più consapevoli che dalla lettura dipende la crescita intellettuale, sociale ed economica di una comunità. Il nostro impegno nell’immediato futuro sarà quello di dar vita ad un Patto locale per la lettura, che vedrà coinvolte ed impegnate varie realtà locali: scuola, biblioteca, libreria e associazioni del territorio. Continueremo nell’organizzazione di iniziative, quali il giovedì letterario, presentazioni di libri, letture ad alta voce, incontri con autori ed editori del territorio e non, iniziative che non si sono fermate nemmeno durante i mesi di emergenza e di lockdown da Covid19, basti pensare al Progetto “Leggiamo insieme” portato avanti con letture e dirette Fb durante la pandemia e conclusosi in piazza ad Appignano, alla presenza delle autrici Laura Gentili e Michela Bocci e dell’editore Giaconi Simone, che hanno intrattenuto grandi e piccini con storie e giochi di magie e di parole. Ribadisco la nostra soddisfazione per tale riconoscimento – conclude l’assessore Arcangeli – ora non ci resta che …leggere».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X