Pistole elettriche e squadra anti-droga,
il nuovo volto della polizia locale

MACERATA - Due i regolamenti approvati dal Consiglio all'unanimità, di cui uno sull'uso delle armi. Il comandante Danilo Doria: «Il teaser sarà usato solo da agenti formati ad hoc. Per il contrasto allo spaccio vogliamo fornire supporto alle altre forze di polizia». In arrivo controlli per evitare che venga servito alcol ai minori
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Danilo-Doria

Il comandante Danilo Doria

 

Teaser agli agenti, una squadra anti-droga, servizi in borghese per arginare gli eccessi della movida. E’ la nuova veste della polizia locale di Macerata pensata dal comandante Danilo Doria e recepita dal Consiglio comunale con l’approvazione, il 3 giugno scorso e all’unanimità, di due regolamenti, uno dei quali proprio per l’utilizzo delle armi. «Due fondamentali colonne per espletare tutte le attività di lavoro che stiamo facendo sempre di più e con qualità sempre maggiore», ha specificato Doria. Formazione e professionalità a servizio dei cittadini sono gli ingredienti principali di questa cosiddetta “riforma”. E una delle principali novità riguarda proprio il teaser, la pistola a impulsi elettrici, che sarà fornita agli agenti (minimo due, massimo quattro) oltre alla pistola d’ordinanza. Una possibilità prevista dalle norme nazionali per i capoluoghi di provincia. «E’ un modo per essere a passo con i tempi – ha spiegato il comandante – è un’arma meno offensiva dell’arma da sparo tradizionale e studi dimostrano che è un ottimo deterrente. Se ci vengono chiesti determinati servizi è giusto che il personale sia formato e sia dotato di tutti gli strumenti per essere tutelato da un lato e per svolgere al meglio il proprio dovere dall’altro. L’idea è quella di avere due o quattro persone che dovranno essere preparate, calcherò molto la mano sulla formazione, anche psicologica, perché si tratta di uno strumento da usare il meno possibile. L’amministrazione si è trovata d’accorso e così l’abbiamo tematizzato e ora possiamo muoversi per i passi successivi». Ci vorranno mesi, probabilmente non prima del 2021.

controllo_movida_giovedì_foto_fn-3-325x244

Controlli della polizia locale in centro durante la movida

Potrebbe partire invece prima la squadra anti-droga della polizia locale. Era un’opportunità offerta dal bando del ministero dell’Interno, collegato all’installazione di telecamere Ocr, quelle che permettono la lettura delle targhe e che rappresentano il terzo pilastro su cui si fonda l’attività della polizia locale di Macerata. «C’era questa possibilità – aggiunge Doria – e l’ho proposta all’amministrazione, che l’ha subito recepita. E’ un progetto per far fronte a un fenomeno sempre più dilagante, quello del consumo di droga appunto. E’ chiaro che non vogliamo sostituirci alle altre forze di polizia, anzi l’obiettivo è quello di collaborare e fornire supporto, per esempio con servizi di prevenzione nelle scuole con l’unità cinofila che i colleghi di Ascoli hanno già in dotazione. In questo modo ci mettiamo alla pari con le polizie locali delle più grandi città d’Italia, un passo in avanti gigantesco: quello di avere personale formato in grado di affrontare determinate situazioni e dare un servizio qualitativamente migliore alla cittadinanza». In questo caso si conta di partire con i primi servizi già a dicembre. Che così andranno ad aggiungersi a quelli sugli eccessi della movida con agenti in borghese per controllare che non venga servito alcol ai minori e che già nell’applicazione della nuova ordinanza del sindaco Romano Carancini, chiusura dei locali in centro alle due e niente alcol d’asporto dopo la mezzanotte, sta dando i suoi frutti. Terzo pilastro, le telecamere Ocr, quelle che permettono la lettura delle targhe e che si sono rivelate utilissime sia per indagini, che per illeciti amministrativi, piuttosto che per ricerche o rilievi di incidenti. L’idea in questo caso, oltre ad aggiungerne altre rispetto a quelle già installate, è di collegare in rete quante più città possibili e di creare una sala di controllo a Macerata in cui è possibile tenere sotto controllo più telecamere per volta.

(Redazione Cm)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X