«Noi la libreria non la riapriamo
Il decreto rischia di toglierci le tutele»

MATELICA - Silvia Sorana e Francesca Chiappa di Kindustria hanno scelto di continuare solo con le consegne a domicilio e chiedono piuttosto «un Fondo per aiutarci con le spedizioni». Il problema del provvedimento governativo: «Gli aiuti e lo sgravio per l’affitto restano garantiti? Non è chiaro. La Lombardia ha già fatto una contro-ordinanza per riaprire solo le cartolerie dei supermercati»
- caricamento letture
silvia-sorana-e-francesca-chiappa

Silvia Sorana e Francesca Chiappa

di Federica Nardi

«Noi non riapriremo e continueremo con la consegna a casa. Riaprire le librerie è una follia, servirebbe piuttosto un Fondo per aiutarci con le spedizioni a domicilio». Silvia Sorana insieme a Francesca Chiappa è la titolare della libreria Kindustria di Matelica. Una delle 154 realtà italiane a firmare la lettera aperta dei librai contro il decreto del governo che indica, dal 14 aprile, la riapertura anche di librerie e cartolerie.

Il provvedimento da un lato risolve il paradosso per cui in alcuni supermercati non si potevano comprare, nonostante la didattica prosegua a distanza, quaderni e pennarelli, perché non di prima necessità. Ma dall’altro lo sblocco del codice Ateco trascina con sé sia le librerie più piccole sia quelle di catena, con i dipendenti spesso timorosi di tornare a lavorare per mancanza di tutele economiche e sanitarie.

Sorana e Chiappa di Kindustria hanno potuto scegliere e hanno scelto di non riaprire. Ma il problema non è solo sanitario. «Se puoi stare aperto gli aiuti e lo sgravio per l’affitto sono garantiti? – chiede Sorana -. Nessuno l’ha detto chiaramente ma è chiaro che la misura va in quella direzione. Tra l’altro puoi riaprire ma la gente deve stare a casa. Per chi apro il negozio? Poco fa – racconta Sorana -, è passata l’auto della Protezione civile con il megafono: si può uscire per lavoro, salute o estrema necessità». Per la libraia di Matelica «hanno riaperto solo perché i libri stavano nei supermercati, non certo per le librerie dei paesi. E tanti lavoratori delle catene non vogliono andare a lavorare, innanzitutto perché non hanno i presidi di protezione». Sorana proseguirà quindi con la consegna a domicilio. «L’abbiamo fatta da subito e continueremo a farla e se possibile anche con le spese di spedizione per i Comuni vicini che non hanno le librerie e dove vivono i nostri clienti. Come librai chiediamo piuttosto la riapertura di un fondo per coprire le spese di spedizione, un accordo con le poste e i corrieri. C’era un fondo dedicato, “Libri d’asporto”, creato come rete di editori. Una manna dal cielo ma ormai è quasi esaurito».

Sorana spiega cosa vorrebbe dire una riapertura per una libreria indipendente: «Significa che si riaprono conti, magazzini, fatturazioni. Ci chiedono di tirare fuori soldi che non sono però stati incassati in questi mesi. I dipendenti perdono la cassa integrazione e tutta la parte dei presidi di sicurezza sta a carico delle librerie. Ma con quale formazione possiamo farlo? Ci devono dare anche delle regole». Per lei avrebbe senso una contro-ordinanza, come quella fatta in Lombardia: «La Lombardia ha già fatto una contro-ordinanza per riaprire solo le cartolerie dei supermercati, le librerie invece restano chiuse permettendo solo le consegne a domicilio. Anche perché molti librai nelle attività sono da soli, per cui o fai le consegne o tieni aperto».

Il mercato inoltre non vive un grande momento nemmeno in questo settore. «La chiusura toglie la parte più grossa delle librerie che sono le presentazioni. Inoltre non sono più uscite novità in libreria, quindi lavori su quello che hai in deposito. Online non è chiaramente come entrare in libreria. Noi abbiamo anche fatto un circolo di lettori su whatsapp, però chiaramente è diverso. Anche i pagamenti: non tutti sanno fare un bonifico o un paypal e quindi rimandano l’acquisto». Sorana resta delusa dal provvedimento e conclude con una domanda al momento senza interlocutori: «il pane è un bene di prima necessità, il libro non lo è, anche se è importante. La gente così riceve un messaggio contrastante: viene detto “esci solo per necessità” e poi apri le librerie?».

Conte: «Lockdown fino al 3 maggio Scelta difficile ma necessaria»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =