«Questa non è cocaina ma bicarbonato»
37enne irrompe a casa di una donna
poi aggredisce i poliziotti: arrestato

CIVITANOVA - Caos in viale Vittorio Veneto dove un tunisino ha minacciato una sua amica per riavere duemila euro. Un suo connazionale ha scagliato un coltello contro gli agenti intervenuti ed è scappato
- caricamento letture

WhatsApp-Image-2017-08-02-at-18.59.05-325x183

 

di Laura Boccanera 

Si reca a casa di una donna reclamando indietro 2000 euro per una partita di cocaina rivelatasi bicarbonato. Tunisino dà in escandescenze nella notte e spacca il portone di un palazzo, il complice aggredisce anche i poliziotti intervenuti e chiamati in soccorso dalla donna e poi distrugge la vetrina di un negozio. Momenti di forte concitazione questa mattina dalle 2 alle 4,30 in viale Vittorio Veneto dove un uomo di 37 anni di origine tunisina stava reclamando in maniera minacciosa duemila euro da una sua amica. Una notte di follia con lancio di bottiglie, una vetrina frantumata e anche un coltello scagliato contro gli agenti che solo per un soffio non sono rimasti seriamente feriti nella violenta colluttazione e hanno riportato solo lievi lesioni agli arti.

Il tunisino ha riferito agli agenti della squadra volante del Commissariato intervenuti sul posto di trovarsi lì perché aveva acquistato una dose di cocaina rivelatasi in realtà bicarbonato e rivoleva indietro i duemila euro. La donna, una marocchina di 39 anni, ha chiamato la polizia quando Hassen Labiadh assieme ad un complice ha tentato di entrare nello stabile provocando abrasioni e ammaccature sul portone. Quando gli agenti sono arrivati sul posto però i due si erano allontanati. Il tunisino a quel punto, mentre la donna era con la polizia a denunciare quanto accaduto è salito e ha raccontato la sua versione dei fatti. All’uscita dal palazzo però il complice, non identificato perché scappato via, in forte stato di alterazione e in pieno delirio ha iniziato a minacciare gli agenti con insulti e minacce di morte e ha lanciato verso di loro un coltello aperto e bottiglie di vetro. Il 37enne ha provato ad approfittare del momento per scappare ma è stato fermato e placcato. Ne è nata una colluttazione nella quale gli agenti hanno riportato lesioni per 8 giorni a spalla e gamba. Hassen Labiadh è stato arrestato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale, 8 invece i giorni di prognosi per i poliziotti coinvolti nell’aggressione. Ricercato il complice. 

Oggi la direttissima al tribunale di Macerata davanti al giudice Simonelli, pm Francesca D’arienzo: l’imputato, difeso d’ufficio dall’avvocato Giuseppe Lupi, si è avvalso della facoltà di non rispondere,  ha patteggiato due anni ed è tornato in libertà.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X