«Civitanova capoluogo»,
la provocazione di Marzetti

IL CONSIGLIERE comunale: «La provincia potrebbe venire divisa, costituendone una seconda verso la costa»
- caricamento letture

sergio-marzetti-civitanova-FDM-2-325x217

 

«Civitanova capoluogo di provincia». Provocazione dal consigliere Sergio Marzetti che chiude il 2019 con l’invito al sindaco Fabrizio Ciarapica di ripensare in chiave provinciale il ruolo della città che ha superato per abitanti Macerata. E nell’argomentare il motivo di un’ipotesi che appare piuttosto remota Marzetti tira in ballo una serie di argomenti: «Se la legge Delrio aveva previsto la totale eliminazione delle province, il successivo referendum le ha mantenute ridimensionandole negli organi istituzionali e nelle competenze. Allora non vedo perché l’attuale provincia di Macerata, la più estesa delle Marche con i suoi 2780 chilometri quadrati e con 320mila abitanti, non possa essere divisa costituendone una seconda comprensiva della fascia costiera e mediocollinare con capoluogo Civitanova. Non ne mancano i presupposti. Oltre all’estensione territoriale, l’eterogenità fisica, economica e culturale, la necessità di una adeguata e buona gestione delle risorse finanziarie disponibili, senza naturalmente trascurare le priorità degli interventi nelle zone colpite dal sisma. Di questo ne è a conoscenza il Presidente Pettinari come è consapevole del grande movimento veicolare che caratterizza la fascia costiera con conseguente necessità di adeguate infrastrutture viarie di competenza provinciale. Servono risorse ed interventi che incentivino lo sviluppo e solo creando una nuova realtà amministrativa la cosa è possibile. Si inizi un percorso politico e burocratico per realizzare una nuova provincia con capoluogo Civitanova. Capisco che l’iter è lungo è difficile, ma l’utilità è fuori discussione. Una proposta che non è dettata da spirito campanilistico, come qualcuno potrebbe pensare, ma dalla convinzione che per gestire efficacemente una realtà territoriale estremamente problematica ( si veda, per esempio, la viabilità che sta raggiungendo livelli insopportabili) bisogna creare le condizioni. Della nuova provincia trarrebbero benefici i cittadini, le imprese e il turismo, settore questo sempre sulla rampa di lancio ma mai decollato come dovrebbe. Al sindaco Ciarapica, quindi, l’ invito a convocare gli altri sindaci, consultarsi con loro e fare le opportune valutazioni».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X