facebook twitter rss

“Bella ciao” per l’addio a Pambianchi
«Schietto fino all’ultimo»

MACERATA - Esponenti della politica locale, colleghi e amici hanno preso parte alla cerimonia di commiato dell'avvocato. Nelle sue ultime volontà ha indicato anche la canzone simbolo della lotta al fascismo come colonna sonora dell'ultimo saluto. L'avvocato Perticarari: «Lascia un patrimonio politico, non lo disperdiamo». L'ex assessore Compagnucci: «Discutevamo per ore ma poi, una volta presa una decisione, la portava avanti fino alla fine». Molto commosso l'amico Luigino Craia: «E' stato un uomo onesto, onestissimo». Non ha nascosto i rapporti difficili Romano Carancini: «La colpa è tutta mia mi diceva non condividendo cosa stavo facendo da sindaco»
lunedì 31 Dicembre 2018 - Ore 14:04 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

La cerimonia di saluto a Graziano Pambianchi

di Alessandra Pierini 
(Foto Fabio Falcioni)

Ha scelto le note di “Bella ciao” Graziano Pambianchi come colonna sonora della sua dipartita. La canzone nota come simbolo di ribellione contro il nazi-fascismo è stata indicata dallo stesso avvocato, fine stratega fino all’ultimo, nelle sue  volontà, insieme a tutte le indicazioni per il commiato. Una cerimonia laica per la quale sono stati tolti dalla cappellina del Centro Funerario di Macerata tutti i simboli religiosi, compreso naturalmente il crocifisso.

Mauro Compagnucci e Renato Perticarari

E non si è spenta con la morte la capacità aggregativa dell’avvocato, esponente di spicco per 30 anni della politica maceratese, che ha radunato questa mattina ex repubblicani dall’intera regione politici, avvocati, magistrati e sindacati, oltre a qualche avversario politico. Lui ha voluto essere presente: la bara, aperta, è stata posizionata al centro della stanza, davanti al tavolo dal quale in molti lo hanno ricordato. Primo tra tutti il collega e amico Renato Perticarari che ne ha ricordate le doti professionali e umane per poi chiedere che il patrimonio politico che ha lasciato venga conservato e arricchito.
Poi l’ex assessore Mauro Compagnucci, cresciuto anche lui con Pambianchi nel Pri, che ne ha ricordato il modus operandi: «Ne ricorderò la voglia di appassionarsi e di discutere, facevamo riunioni e riunioni per ore ed ore ma una volta che la decisione era stata presa andava portata avanti. Ricordo ad esempio quando decise che la sanità marchigiana doveva passare dai piccoli ospedali e andò nella sua Cingoli a fare campagna elettorale. Auguro al cittadino Graziano Pambianchi di riposare in pace, se lo merita».
Non è mancato l’Ordine forense a cui era iscritto dal 1958 rappresentato dal consigliere anziano Renzo Tartuferi: «Ha patrocinato casi complessi ed è stato primario esponente della dialettica politica, basata sul progresso e sul rispetto umano». Sulla cultura del disinteresse personale ha fatto leva Luigi Craia, commosso tanto da non riuscire quasi a parlare: «Tutta la vita non ha chiesto niente per sé ma ha agito sempre per il bene degli altri. E’ stato un uomo schietto e onesto, onestissimo».
Poi ha preso la parola, dopo aver chiesto il permesso alla moglie Christine, seduta in prima fila, il sindaco Romano Carancini: «Era capace di esprimere un’idea della città. E’ stato una figura di riferimento per molti e non si perderà patrimonio politico che ha saputo rappresentare». Carancini ha raccontato il loro incontro e l’appoggio in Consiglio comunale per arrivare al distacco tra il 2008 e il 2009: «Ci siamo allontanati per considerazioni diverse sulla città ma quando ci si vedeva non mancavano la sua autoironia e schiettezza. La colpa è tutta la mia mi diceva non condividendo cosa stavo facendo da sindaco. Macerata perde una persona indimenticabile anche se negli ultimi anni non abbiamo avuto la frequentazione che forse sarebbe stato giusto avere».

L’ex procuratore Mario Paciaroni

E’ stato l’ex procuratore Mario Paciaroni, che ha frequentato la stessa classe di Pambianchi alle medie e poi al liceo, a rappresentare la magistratura: «Abbiamo fatto strade diverse ma non opposte, entrambi cercavamo di dare giustizia. Graziano non era un avvocato che ammira il sistema attuale di fredda evasione delle pratiche, voleva che la giustizia avesse come punto centrale l’uomo per dare a ciascuno ciò che gli spetta per legge. Grazie per il tuo esempio Graziano». Poi il finale in musica.

 

Il sindaco Carancini ricorda Pambianchi: «Entrai in politica grazie a lui»

 

Graziano Pambianchi e il suo sorriso scettico ma mai rassegnato

Addio a Graziano Pambianchi, esponente di spicco della politica maceratese

L’intervento del sindaco Carancini

Gabrio Fioretti

Narciso Ricotta

Il presidente di Confindustria Gianluca Pesarini

Il sindaco Carancini con Christine, la moglie di Pambianchi

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X