Sisma, analisi del terreno:
a Vallicelle scosse amplificate

CAMERINO - Presentati in assise i dati della microzonazione sismica. Il sindaco Pasqui: «Continuerò a chiedere fondi per effettuare lo studio su tutto il territorio comunale»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

microzonazione-camerino

di Monia Orazi

È il quartiere di Vallicelle quello che a Camerino presenta gli aspetti più critici per la ricostruzione post terremoto. A dirlo è lo studio di microzonazione sismica di terzo livello, presentato oggi pomeriggio in consiglio comunale, per la presa d’atto. Vallicelle ha uno strato di terreno superficiale di trenta metri che provoca un’amplificazione maggiore delle scosse di terremoto, pari a 2,8 rispetto alla media di 1,5 del centro storico, che invece poggia su un substrato roccioso che ha amplificazione inferiore. In parte nella zona a Nord di Camerino dove ci sono terreni più soffici e anche per Montagnano c’è un fattore di amplificazione maggiore per le scosse sismiche, proprio per la tipologia di terreno su cui sorgono. Il risultato dello studio sono una serie di cartine di vari colori, che segnalano le zone in cui le scosse colpiscono in modo più o meno duro.

consiglio-camerinoEra il giugno del 2017 quando l’amministrazione comunale ha affidato lo studio di microzonazione sismica di terzo livello, mentre la microzonazione di primo livello è stata effettuata in tempi non sospetti, durante l’amministrazione guidata da Dario Conti, di cui Pasqui era il vice. Ad eseguirlo, in collaborazione con l’Università di Siena che ha elaborato i dati, sono stati i geologi dello Studio associato Sga di San Severino Marcello Maccari, Anacleto Pesaresi e Alessandro Onorati, presenti in consiglio per illustrarlo ai consiglieri. «Questo studio è un punto di partenza, le carte sono una descrizione qualitativa e non quantitativa sugli effetti del sisma – hanno spiegato i geologi – non ha riguardato le frazioni perché sono stati messi a disposizione soltanto due sondaggi geognostici e ci si è concentrati soltanto sul centro storico». Sono poi state elencate le prove tecniche effettuate, integrate a dati già esistenti e disponibili su Camerino. Ha spiegato il sindaco Gianluca Pasqui: «Esprimo il rammarico per non aver avuto a disposizione una cifra adeguata per effettuare lo studio di microzonazione, per tutto il territorio comunale. L’ho chiesto anche in una recente audizione in Senato e continuerò a chiederlo. Crediamo molto in questi studi, tanto che la microzonazione di primo livello è stata fatta quando ero vicesindaco, insieme al sindaco Conti».

consiglio-camerino-1-325x183In Consiglio sono stati discussi anche due punti riguardanti il bilancio, il primo una variazione per cifre assegnate dalla Protezione civile nazionale come spese di rimborso per il City Park, il secondo il tradizionale punto di ricognizione degli equilibri di bilancio. Ad illustrarli l’assessore Roberto Mancinelli. L’Anci ha fatto pervenire i fondi destinati all’ampliamento dell’area camper, inseriti anche i fondi per aumentare le telecamere di videosorveglianza. Grazie ai rimborsi della Protezione civile nazionale per le spese di funzionamento del City Park, il fondo di riserva passa da 6mila 900 euro a 176mila euro. Il consigliere di minoranza Marco Fanelli ha chiesto se l’ente si era arrivato per seguire quanto raccomandato dal revisore dei conti, riguardo al monitoraggio delle spese di parte corrente, la creazione del fondo crediti di dubbia esigibilità e azioni per ridurre gli anticipi di tesoreria. Mancinelli ha spiegato che le rccomandazioni del revisore sono condivisibili, ma che sulle casse del Comune pesano le anticipazioni continue di fondi per lavori legati al sisma ed inoltre il recupero delle somme da incassare è stato notevolmente rallentato dal sisma, ma che su questi punti gli uffici sono attivi da anni. Approvata in via definitiva la variante urbanistica a Vallicelle, dove sorgerà la struttura socio sanitaria donata dalla Cri.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X