Gentiloni ai presidenti delle Regioni:
“Un miliardo all’anno per 3 anni
nel fondo per la ricostruzione”

VIDEO - "Lo stanziamento nel decreto di metà aprile", il presidente del Consiglio lo ha annunciato dopo l'incontro a Palazzo Chigi insieme ad Errani e Curcio. Ceriscioli: "Impegno a recuperare le zone a fiscalità agevolata". Terzoni (M5s) critica la lista delle buone intenzioni: "Il fare da Renzi a Gentiloni è sempre un faremo, meno chiacchiere e più fatti”
- caricamento letture
La conferenza stampa di Gentiloni al termine della riunione a Palazzo Chigi

GENTILONI-PALAZZO-CHIGI

 

Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, ha presieduto a Palazzo Chigi una riunione sul terremoto con i presidenti delle regioni Nicola Zingaretti (Lazio), Luca Ceriscioli (Marche), Catiuscia Marini (Umbria), Luciano D’Alfonso (Abruzzo), il commissario per la ricostruzione, Vasco Errani, e il capo del dipartimento Protezione civile, Fabrizio Curcio. Al termine ha annunciato: “Nel decreto che faremo a metà aprile inseriremo un fondo per la ricostruzione che sarà molto rilevante: oltre 1 miliardo all’anno per i prossimi 3 anni per la ricostruzione delle aree colpite da terremoto. Stiamo lavorando per avere risorse più ingenti possibili. Le modalità con cui questo fondo sarà utilizzato saranno rese note dal governo ad aprile”. 

GENTILONI-2-400x271Il presidente delle Marche Luca Ceriscioli si è dichiarato molto soddisfatto del confronto: ‘Gentiloni ha annunciato che il Governo si impegna a recuperare nella manovra di aprile alcuni dei contenuti che non hanno trovato spazio nel decreto terremoto: le zone franche o comunque misure di fiscalità agevolata per le imprese, e un intervento a compensazione delle minori entrate dei Comuni del cratere, che rischiano il dissesto. Abbiamo fatto il punto su tutte le questioni: casette, sfollati, sostegno alla ripresa delle attività produttive. Uno degli obiettivi sarà poi trasformare in antisismici edifici non danneggiati nelle zone 1, quelle a rischio massimo. Bene anche, l’impegno a un crescente trasferimento di protagonismo al territorio per la ricostruzione”.

 

terzoni

Patrizia Terrzoni alla Camera

Così commenta le parole del premier Patrizia Terzoni, portavoce del Movimento 5 Stelle alla Camera: “La lista delle buone intenzioni diramata da Paolo Gentiloni poco fa a Palazzo Chigi avrebbe il sapore della burla, non fosse che purtroppo l’attuale maggioranza ci ha ormai abituati all’utilizzo indiscriminato del futuro come tempo verbale circa l’operatività nel post-sisma. Il “fare” da Renzi a Gentiloni è sempre un “faremo”: intanto, nelle zone colpite, va tutto a velocità di moviola. Dalla rimozione delle macerie, i cui effetti sulla salute dei cittadini non sono noti nonostante le nostre reiterate richieste di chiarimenti in merito, ai sopralluoghi nei vari edifici, che tra una scartoffia e l’altra ormai ci tiriamo dietro a passo di lumaca da un semestre abbondante.  Verranno, saranno, arriveranno: un ennesimo uso a valanga del futuro che non ci lascia affatto tranquilli, alla luce di quanto abbiamo visto negli ultimi mesi. Che i buoi siano usciti dalla stalla da un pezzo è certificato dalle segnalazioni che dagli Appennini ci arrivano pressoché quotidianamente: bisognava affrontare la situazione di petto e non lo si è fatto, e ora l’elenco di promesse ci pare tardivo. Così come arriva alla buon’ora il ministro dei Beni culturali Franceschini che oggi propone di inserire nella Protezione Civile una struttura permanente da dedicare al nostro patrimonio artistico e culturale, che ad ogni calamità naturale subisce sempre seri danni. Una dichiarazione che fa quasi tenerezza per il ritardo biblico con cui arriva, dopo che per mesi ci siamo sfiatati nel chiedere al Mibact meno chiacchiere e più fatti”.

GENTILONI-3-650x409

Fabrizio Curcio, Luciano D’Alfonso, Paolo Gentiloni, Catiuscia Marini, Nicola Zingaretti, Luca Ceriscioli e Vasco Errani alla conferenza stampa dopo l’incontro a Palazzo Chigi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X