Festa nel “vicolo che non c’è”
Due giorni per riscoprire la città

MACERATA - Il 7 e l'8 dicembre tante iniziative gratuite per far rinascere una delle vie più antiche del centro, oggi in profondo degrado. Musica e birra artigianale accompagneranno tante proposte artistiche. Protagonisti cittadini e associazioni che hanno collaborato spontaneamente
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
vicolo vicino poste foto ap (34)

L’ingresso di vicolo Consalvi, al centro dell’iniziativa “Il vicolo che non c’è”

 

vicolo vicino poste foto ap (7)

Una parte del vicolo

di Marco Ribechi

(foto di Andrea Petinari)

Una via nel cuore di Macerata, quasi invisibile, scarsamente percorsa: è “Il vicolo che non c’è”. Rinascerà il 7 e l’8 dicembre con due giorni di iniziative gratuite. Si tratta di vicolo Consalvi che collega via Gramsci, dove si trova il palazzo delle poste, con corso Matteotti. Una delle parti più antiche della città, le cui origini sono da rintracciare nel Medioevo, epoca in cui venivano poste le prime pietre del Castrum.  Una tortuosa stradina dimenticata che un gruppo di cittadini e di associazioni desidera riportare alla luce, valorizzandola e trasformandola in un’attrazione. «E’ un angolo del centro che ci piacerebbe riscoprire – dice alberto Cicarè del coordinamento Spiazzati – Ora è un luogo marginale, sporco e abbandonato ma può diventare un’attrattiva e un cuore pulsante, considerando anche il progetto di trasformare l’antica tipografia operaia in uno spazio espositivo (leggi l’articolo)».

vicolo vicino poste foto ap (27)

Il tortuoso vicolo si sviluppa tra palazzo Costa e gli edifici circostanti

LA STORIA – Vicolo Consalvi racchiude tutta la storia di Macerata sin dalla sua fondazione. «Nel 1138 nasce la nostra città, quando il Castrum e il Podium, decidono di unirsi – spiega Angela Montironi, professoressa di storia dell’arte –  Il Podium ha il suo fulcro nella chiesa di S. Giuliano (oggi il Duomo), il Castrum nella attuale piazza Oberdan. Una condizione economica favorevole portò ad un aumento della popolazione e quindi ad un infittirsi del tessuto edilizio. Le vie principali vennero collegate con vicoli ad andamento trasversale. Un esempio è la strada che dalla Porta Agliana (rampa di uscita in viale Leopardi) conduceva alla via del Trivio (Tommaso Lauri) che si biforcava nei vicoli Costa e Consalvi (una volta chiamato “Tesoreria Vecchia”). Successivamente la loro struttura viene stravolta dalla costruzione del palazzo Costa. Benedetto Costa dette inizio ai lavori nel 1756, ma per ingrandire il proprio palazzo, solo un anno dopo acquistò l’adiacente casa dei Gregoretti e nel 1758 quella di Filippo Veronici. La conseguenza di queste acquisizioni fu che il vecchio vicolo non sbucò più nella Piazza Oberdan, ma di fronte alla porta laterale della chiesa di S. Caterina (oggi Palazzo delle Poste).

vicolo vicino poste foto ap (41)

L’antico portone che i conti Costa utilizzavano per impedire ai cittadini l’accesso al vicolo è ancora al suo posto

L’andamento del vicolo, spezzato da continue curva a gomito e cambiamenti del livello stradale, testimonia i continui stravolgimenti. L’antico nome, di origine medievale, venne cambiato in Consalvi dal nome del proprietario del Palazzo che sorge a fianco del vicolo, lungo Corso Matteotti. L’Ottocento è stato caratterizzato da una continua lite tra il Comune e il Conte Costa rintracciabile nei verbali dei consigli comunali. I Costa dicendo che ‘di notte avvengono atti infami‘ tentavano di chiudere il vicolo con un portone di legno massiccio, al fine di impossessarsi anche di quell’area, mentre il Comune ribadisce che quel vicolo è proprietà della Comunità. Il portone originale è ancora visibile all’ingresso della via».

vicolo vicino poste foto ap (20)

Oggi nell’antico vicolo regna l’abbandono. Le pareti sono state sporcate da graffiti di dubbio gusto

L’INIZIATIVA – Oggi un gruppo di cittadini, studenti e associazioni ha deciso di far rivivere vicolo Consalvi. Il 7 e l’8 dicembre una serie di iniziative gratuite animerà e colorerà la via per mostrare come potrebbe essere “Il vicolo che non c’è”. «Crediamo che ogni parte della città sia preziosa, soprattutto quelle del centro, ricche di storia e di ricordi – continua Cicarè – Presenteremo un programma nato dalla preziosa collaborazione gratuita di tante realtà e persone, che ringraziamo di cuore. L’arte farà da padrona perché bisogna anche ricordare che per alcuni anni proprio sulle pareti del vicolo Consavli fu organizzata la Marguttiana di San Giuliano. Si andrà dalle installazioni urbane alle mostre fotografiche. Ci saranno poi dei momenti di street art dal vivo. La lettura sarà invece promossa con uno spazio dedicato ai fumetti e con uno speaker’s corner. Angela Montironi farà da cicerone per spiegare la storia della zona. Il tutto condito con buona musica e innaffiato da ottime birre artigianali. La cittadinanza è invitata per vivere e conoscere la propria città. Il coordinamento Spiazzati ha creato anche l’evento facebook ‘Il vicolo che non c’è’ dove trovare tutti i dettagli».

vicolo vicino poste foto ap (23)

vicolo vicino poste foto ap (19)

vicolo vicino poste foto ap (18)

vicolo vicino poste foto ap (13)

vicolo vicino poste foto ap (30)

vicolo vicino poste foto ap (33)

vicolo vicino poste foto ap (32)

vicolo vicino poste foto ap (39)

vicolo vicino poste foto ap (27)

vicolo vicino poste foto ap (25)

vicolo vicino poste foto ap (26)

vicolo vicino poste foto ap (24)

vicolo vicino poste foto ap (22)

vicolo vicino poste foto ap (17)

vicolo vicino poste foto ap (12)

vicolo vicino poste foto ap (2)

vicolo vicino poste foto ap (3)

vicolo vicino poste foto ap (10)

vicolo vicino poste foto ap (8)

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X