Spaccio internazionale di eroina
Due arresti all’Hotel House

PORTO RECANATI - Doppio blitz nel palazzone multietnico. Il Goa della finanza scova all'alba i componenti della cupola della droga ritenuta la base del traffico di stupefacenti delle Marche. Controllati i piani e i contratti di affitto. Trovata merce contraffatta abbandonata nei borsoni lungo i corridoi - FOTO E VIDEO
- caricamento letture
Le immagini video del blitz di questa mattina

hotel house fdm (5)
Controlli a sorpresa delle forze dell’ordine questa mattina all’Hotel House di Porto Recanati. Arrestati due pakistani, un terzo sarebbe riuscito a fuggire, ritenuti i componenti di una organizzazione criminale dedita al traffico internazionale di eroina. Trovata merce contraffatta abbandonata in alcuni borsoni lasciati lungo il corridoio. Controllati gli occupanti di diversi piani (sono state identificate 100 persone e verificati 80 appartamenti) e i relativi contratti di affitto. Due i blitz. Il primo attorno alle 5 da parte del Goa del nucleo di polizia tributaria di Ancona che ha portato al fermo dei due cittadini extracomunitari. Poi il sopralluogo per i controlli scattato poco dopo le 8 e che hanno visto sul posto carabinieri, guardia di finanza, polizia, polizia provinciale e agenti della municipale.

blitz interforze hotel house porto recanati (19)

Al centro il capo della Squadra mobile Alessandro Albini, a destra Andrea Innocenzi, dirigente della Divisione anticrimine

DROGA – All’Hotel House il Goa di Ancona è arrivato nell’ambito dell’operazione “Happy Meal”, diretta dalla procura di Ancona, che ha portato al sequestro complessivo di un ingente quantitativo di eroina il cui valore sul mercato avrebbe fruttato circa 50milioni di euro. L’operazione si è conclusa oggi con l’esecuzione, su tutto il territorio nazionale, di altri fermi di cittadini extracomunitari ritenuti sempre responsabili di un’organizzazione criminale dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti. L’attività, nata inizialmente dal monitoraggio dell’Hotel House, ha permesso, attraverso indagini durate due anni, di individuare diversi cittadini di origine pakistana, responsabili dell’importazione e del traffico internazionale di ingenti quantitativi di eroina. Tre erano stati individuati questa mattina nel palazzone, uno sarebbe riuscito a fuggire. L’indagine ha consentito di far emergere le relazioni esistenti tra soggetti extracomunitari residenti nelle Marche, prevalentemente nella provincia di Macerata, e quelli residenti in altre città italiane, nonché individuare diversi metodi di occultamento per l’introduzione dello stupefacente dalle zone di origine. blitz interforze hotel house porto recanati (12) cani antidroga carabinieriNello specifico Pakistan ed Afghanistan. In particolare, nell’ambito dell’attività investigativa svolta, i militari del Goa sono riusciti ad individuare numerose spedizioni di eroina destinate al territorio marchigiano, in transito negli scali aeroportuali di Milano Malpensa, Fiumicino, Venezia, Bergamo, Bologna e nel porto di Ancona. La droga in alcuni casi veniva stoccata in paesi “di transito” quali la Germania, la Grecia, la Turchia e la Spagna, dove l’organizzazione criminale, con base operativa nelle Marche, poteva contare su alcuni complici. L’importazione è avvenuta prevalentemente attraverso soggetti che ingerivano ovuli e valigie con doppi fondi, ma anche abilmente occultata in autovetture e all’interno di stecche di sigarette perfettamente integre. In molti casi si è appurato che lo stupefacente veniva spedito, celato in carichi di copertura attraverso spedizionieri. In questi casi l’organizzazione si avvaleva di cittadini, anche italiani, per sfruttare indirizzi “puliti” allo scopo di evitare gli eventuali controlli delle forze dell’ordine. Complessivamente, nelle distinte operazioni, la guardia di finanza di Ancona ha sottoposto a sequestro 56 chili di eroina, 600 grammi di cocaina, 15mila euro in contanti, 7 autovetture, telefoni cellulari e computer portatili, con il contestuale arresto, in flagranza di reato di 33 persone. Oggi, al termine della complessa attività, nell’ambito della quale sono state indagate oltre 60 persone, sono in corso di esecuzione 14 provvedimenti cautelari nei confronti dei vertici dell’organizzazione indagata, con la partecipazione delle unità cinofile della guardia di finanza ed il supporto dei reparti del corpo alla sede di Trento, Mantova, Reggio Emilia e Roma.

blitz interforze hotel house porto recanati (15) cani antidroga carabinieriCONTROLLI – I primi ad entrare nel palazzone multietnico, poco dopo le 8, sono stati i finanzieri con i cani Anita e Blitz. Sono spuntati, su due terrazzi, striscioni con scritto “Prigionieri in casa” perché nel grattacielo gli ascensori, dopo la morte del portiere (leggi l’articolo) non sono ancora in funzione. Agenti e militari si sono diretti ai piani 3, 4, 5 e 6 del palazzone per controllare tutti gli appartamenti e identificare gli inquilini all’interno. Durante i controlli è stato rinvenuto un grosso quantitativo di merce contraffatta per la quale scatteranno denunce contro ignoti. Il materiale era dentro alcuni borsoni lasciati lungo il corridoio, probabilmente da chi ha visto arrivare le forze dell’ordine e temeva denunce. Agenti e militari hanno perquisito anche alcune abitazioni. Identificati tutti gli occupanti, per lo più stranieri. Ora si procederà ai controlli dei contratti di affitto per vedere se gli intestatari sono gli stessi trovati a vivere nelle abitazioni.

(foto e video di Federico De Marco)

 

Sotto le immagini video delle fiamme gialle

blitz interforze hotel house porto recanati (14)

blitzhotel house - polizia

blitz hotel house - polizia (2)

La conferenza stampa delle fiamme gialle ad Ancona

La conferenza stampa delle fiamme gialle ad Ancona

 

hotel house fdm (1)

hotel house fdm (3)

hotel house fdm (2)

Il capitano Enzo Marinelli

Il capitano Enzo Marinelli

blitz hotel house 11-11-2015 (1)

blitz hotel house 11-11-2015 (3)

blitz hotel house 11-11-2015 (2)

blitzhotelhouse 11-11-2015 (1)

blitzhotelhouse 11-11-2015 (2)

blitzhotelhouse 11-11-2015 (3)

blitzhotelhouse 11-11-2015 (4)

blitzhotelhouse 11-11-2015 (5)

blitzhotelhouse 11-11-2015 (6)

blitz interforze hotel house porto recanati (10) polizia locale



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X