I vigili bloccano l’autobus per Macerata
Multa di 2mila euro e libretto confiscato

DISAVVENTURA - Uno dei mezzi della linea Roma Marche con una quarantina di passeggeri a bordo è stato fermato dalla polizia locale di Roma perché da ieri non è più possibile caricare i passeggeri alla fermata di Castro Pretorio. L'azienda, informata all'ultimo momento, aveva chiesto almeno 5 giorni di tolleranza per avvisare i propri clienti
- caricamento letture
Il bus bloccato dai vigili

Il bus bloccato dai vigili

di Gianluca Ginella

Autobus sottoposto a fermo, multa da 2mila euro, libretto di circolazione confiscato, una quarantina i passeggeri trasbordati su di un altro pullman: il tutto per una fermata dove la polizia locale di Roma dice che non è più possibile fermarsi a causa, pare, di una modifica della circolazione. La disavventura riguarda un autobus della linea Roma Marche che alle 16 di oggi doveva partire dalla capitale con destinazione Macerata. Invece quando il bus si è fermato vicino alla stazione Termini, a Castro pretorio, i vigili hanno stoppato il pullman confiscando il libretto di circolazione. I passeggeri sono rimasti bloccati, questo dopo che l’azienda aveva avuto rassicurazione ieri che ci sarebbero stati alcuni giorni di tolleranza per informare i propri passeggeri che non sarebbe più stata effettuata la fermata di Castro Pretorio, quella che il bus che collega Macerata e Ancona con Roma utilizza da 30 anni (l’altra è quella di stazione Tiburtina). Dall’azienda spiegano che la comunicazione che gli autobus non possono più fermare a Castro Pretorio è arrivata ieri e che subito si sono attivati per contattare le forze dell’ordine romane chiedendo una tolleranza di almeno 5 giorni per poter informare i passeggeri e non doverli lasciare a terra. Già ieri uno degli autobus della linea Romamarche era stato multato di 500 euro. Dall’azienda dicono che erano anche disposti a pagare le multe pur di non creare un disagio alla propria clientela. L’azienda già ieri sera aveva intanto iniziato a informare i passeggeri del fatto che non sarebbe più stata effettuata la fermata. Ora però è arrivato il sequestro del libretto di uno dei mezzi (si tratta di veicoli che valgono centinaia di migliaia di euro) e la società di trasporti ha deciso che da domani non effettuerà più la fermata di Castro Pretorio per evitare che vengano bloccati altri autobus della compagnia. Oggi per consentire ai passeggeri di tornare a casa Roma Marche ha fatto partire un autobus sostitutivo, in modo da garantire il servizio pubblico.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X