Docenti si imbavagliano allo Sferisterio
“Senza dialogo bloccheremo gli scrutini”

MACERATA - Non si ferma la protesta dei professori che si sono riuniti per un flash mob con lo scopo di chiedere un confronto costruttivo. Intanto i sindacati fanno sapere che nelle scuole pubbliche mancano 131 insegnanti che il Ministero non vuole riconoscere agli istituti marchigiani
- caricamento letture
Flashmob docenti scuola_foto LB (5)

I docenti durante il flash mob

 

Flashmob docenti scuola_foto LB (4)

(foto di Lucrezia Benfatto)

Dopo il flash mob dei lumini per testimoniare la “lenta agonia della scuola” (leggi l’articolo) oggi a Macerata è arrivato anche quello dei bavagli a sottolineare che le proteste dei docenti e degli studenti non si fermeranno. Alle 19 un centinaio di insegnanti, affiancati anche dalla rete degli studenti medi, si sono riuniti di fronte allo Sferisterio per chiedere maggior dialogo con il Governo. Presenti anche il sindaco Romano Carancini, l’assessore Stefania Monteverde e la candidata 5 stelle Carla Messi. Il simbolo dei bavagli è stato scelto per comunicare la necessità di un confronto costruttivo tra le parti in causa, coinvolgendo quei soggetti che vivono la scuola ogni giorno.

Flashmob docenti scuola_foto LB (1)

Ugo Barbi, rappresentante sidacale dello Snals

«Continueremo a far sentire la nostra voce come sta accadendo in tutta Italia – dice Ugo Barbi della Snals –  Non accettiamo una scuola in cui tutto il potere decisionale è in mano del dirigente scolastico, portando di fatto all’annullamento dei consigli dei docenti. Questo, unito alla possibilità di finanziamenti privati, lederebbe i valori democratici su cui è fondata la scuola pubblica. Se non saremo ascoltati si potrebbe arrivare anche ad un blocco degli scrutini». Sulla stessa linea gli studenti medi delle Marche che vedono in Elena Lippi la loro coordinatrice: «La scuola dovrebbe essere il luogo in cui si forma la personalità dello studente ed in cui si formalizzano conoscenze e competenze, non basata su una concezione aziendalistica. Continueremo a far valere la rappresentanza studentesca nelle scuole, finchè non verranno ascoltate le proposte di insegnanti e di studenti, finchè la scuola italiana non cambierà davvero in un’ottica di rinnovamento e di ascolto delle esigenze degli studenti, stanchi di continui tagli all’istruzione pubblica o di sistemi che mettono a rischio il vero ruolo che la scuola dovrebbe avere». Intanto in un documento congiunto Manuela Carloni (Flc-Cgil), Anna Bartolini (Cisl Scuola), Claudia Mazzucchelli (Uil Scuola) e Paola Martano (Snals Confsal) denunciano la situazione critica di sovraffollamento di alcuni istituti marchigiani tra cui l’ IS Leonardo da Vinci di Civitanova. 131 sarebbero i posti che spettano agli istituti ma che da due anni il ministero non ha ancora riconosciuto nelle tabelle ufficiali. «Siamo riusciti fino ad oggi ad evitare che nelle scuole dell’infanzia e primaria si producessero situazioni insostenibili – si legge nella nota dei rappresentanti sindacali – anche se avremmo avuto bisogno di posti aggiuntivi, per esempio, per soddisfare la richiesta delle famiglie di maggiore tempo pieno nella primaria e nella scuola dell’infanzia. Nella scuola secondaria di primo grado la situazione, ormai definita, è fortemente compromessa: ad oggi ben 46 classi “pollaio” hanno più di 26 alunni per classe e di queste ben 34 con  alunno diversamente abile, situazione illegittima. Per sanarla e sdoppiare queste classi ci vorrebbero almeno 60 posti. Malgrado le ripetute richieste di mantenimento dell’ organico di diritto il Ministero ha formalmente risposto che “la richiesta in argomento non può essere accolta”. I sindacati si dissociano dalle scelte degli uffici scolastici regionali e provinciali e continueranno a chiedere ciò che spetta di diritto».

Messi-Carancini_Foto LB

Il saluto tra Carla Messi (candidata del Movimento 5 stelle) e il sindaco Romano Carancini (coalizione di centrosinistra)

Flashmob docenti scuola_foto LB (8)

Flashmob docenti scuola_foto LB (7)

Flashmob docenti scuola_foto LB (2)

Flashmob docenti scuola_foto LB (6)

Flashmob docenti scuola_foto LB (3)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =