Flash mob degli insegnanti
per difendere la scuola statale

MACERATA - Circa 200 i docenti che si sono ritrovati allo Sferisterio con un lumino in mano e in abito nero
- caricamento letture

Flashmob docenti (1)di Sara Santacchi

Sono scesi in piazza in circa 200 gli insegnanti di tutta la provincia, ieri sera, a Macerata in difesa della scuola statale come patrimonio da tutelare. Come nel resto d’Italia, anche davanti allo Sferisterio i docenti degli istituti scolastici, con un flash mob rappresentativo, hanno manifestato contro quella che è stata definita “la lenta agonia della nostra scuola”.  In gran silenzio, sono stati i lumini tenuti in mano durante il flash mob ad accendere la notte di protesta. Tra i punti principali, il “no”al riordino degli organi collegiali e all’assunzione diretta del personale,  “sì” invece all’ assunzione di tutti i docenti precari su tutte le cattedre vacanti e allo sblocco della mobilità, ma soprattutto al ritiro del disegno di legge Renzi. Gli insegnanti si sono presentati in abito rigorosamente nero, infatti, con un lumino da cimitero e un libro da scambiare con gli altri partecipanti, appostati in cerchio davanti all’arena, sono rimasti in silenzio per cinque minuti prima di andare a spegnere la candela e tornare a casa.

Flashmob docenti (2)

 

Flashomob insegnati sferisterio  (1)

Flashmob docenti (3)

Flashmob docenti (4)

Flashomob insegnati sferisterio  (5)

Flashomob insegnati sferisterio  (2)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X