“Lu vi cottu de Loro”
La sagra diventa Festival

VIAGGIO NEI SAPORI DELLA NOSTRA TERRA - 43esima edizione della manifestazione dedicata al vino cotto: un evento che rappresenta l'identità del borgo tra personaggi tipici come il macellaio Peppecotto e spettacoli di ogni genere (GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA)
- caricamento letture

(In alto la galleria fotografica)

In vino cotto di Loro Piceno

In vino cotto di Loro Piceno

 

di Marco Ribechi

Finalmente è iniziata la festa del vino cotto di Loro Piceno, tradizionale e attesissimo avvenimento che viene a regalarci ancora qualche giorno di allegria e divertimento prima della fine dell’estate.
L’evento giunto ormai alla sua 43° edizione rappresenta un must per moltissimi residenti della provincia di Macerata che ben conoscono il clima piacevole che queste quattro date potranno regalare nei prossimi giorni.
Lo stesso vale per la serata inaugurale di ieri in cui, nonostante un afflusso di pubblico buono ma non esagerato, si sono fatte ben capire le intenzioni per l’edizione di quest’anno. La manifestazione ha infatti cambiato pelle, non più una sagra ma un festival, ricco di iniziative importanti e spettacoli di vario genere in grado di attirare ogni tipo di pubblico. Già la scorsa notte i visitatori presenti hanno potuto applaudire il musical Mary Poppins, in scena in piazza Leopardi, e la spassosa commedia dialettale della compagnia “Leonina” avvenuta in Piazza Beato Liberato. Inoltre due concerti rock hanno animato altri due angoli della città completando così la gamma dell’offerta musicale.

sagra_vino_cotto_Loro_Piceno (29)

Il macellaio Peppecotto

Ma aggirarsi per i magnifici vicoli del paese può rivelare inattese sorprese pronte a stupire il turista curioso. Primo tra tutti Peppecotto il macellaio “folle” (benignamente folle…) che dopo aver pronunciato il suo motto (come dice il motto antico: io una volta ve lo dico, tempo brutto o tempo bello io qua dentro faccio macello…) vi stupirà nella sua macelleria “Fast-butcher” suonando Pata Pata di Miriam Makeba a tempo delle sue percussioni di vertebre di mucca. Fermarsi per un aperitivo è un’esperienza impareggiabile.
Ma non solo tradizioni locali, infatti, se sarete fortunati potrete imbattervi nello spettacolo di Capoeira Regional della scuola Oxossì di Civitanova che a ritmo di berimbau, atabaque e pandeiro sapranno scaldarvi il sangue con esibizioni acrobatiche degne delle migliori scuole brasiliane.
E ancora giovani artigiani vi mostreranno le loro produzioni nelle piccole botteghe del centro e varie esposizioni potranno incuriosirvi mostrandovi scorci di territorio e tradizioni veramente piacevoli ed interessanti. Tra tutte segnaliamo il “Museo delle attrezzature e degli utensili per il vino cotto”, allestito nel meraviglioso chiostro della Chiesa di San Francesco e concepito un percorso attraverso i processi e gli strumenti utilizzati per ottenere questo fantastico prodotto, star di tutta la manifestazione.
sagra_vino_cotto_Loro_Piceno (3)“Lu vi cottu de Loro” infatti è ben più di una semplice tipicità: rappresenta la vera identità del borgo, concepito, decorato e organizzato proprio in funzione della realizzazione di questo prodotto unico, come testimoniano le decorazioni delle facciate delle case nobiliari e patronali e l’architettura degli edifici, concepiti in funzione della pigiatura.
Insomma questo nettare, pronto per spiccare il volo in ambienti internazionali e in attesa di una certificazione DOP, saprà conquistarvi con il suo sapore dolce e con l’ospitalità e la simpatia dei suoi produttori, appassionati prima che commercianti.
Quindi il nostro invito è di dare un’occhiata al ricco programma dei prossimi giorni e fare una capatina in uno dei borghi che meglio rappresentano e celebrano la nostra provincia… inoltre il cibo è buonissimo e a prezzi popolari, cosa chiedere di più?

sagra_vino_cotto_Loro_Piceno (14)
sagra_vino_cotto_Loro_Piceno (33)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X