Inceneritore Sacci, Consiglio aperto a San Severino

La Conferenza dei capigruppo accoglie la richiesta di convocazione fissata per il 25 febbraio. In discussione la mozione che chiede di “esprimere assoluta contrarietà a quanto stabilito dalla Regione”
- caricamento letture

Sala Consiglio San SeverinoLa Conferenza dei capigruppo al Comune di San Severino Marche ha accolto la richiesta, presentata al presidente del Consiglio comunale, Ostilio Beni, dai consiglieri Chiodi, Eusebi, Cherubini, Lampa, Rastelletti (Gruppo consiliare “Una Città da Vivere”), Lucarelli, Aronne e Dialuce, di convocazione dell’Assise cittadina per la discussione di una mozione con cui si chiede di esprimere “Contrarietà al decreto n. 1/VAA del 4 gennaio 2013 della Regione Marche” con il quale è stata rilasciata l’autorizzazione paesaggistica per l’ammodernamento e il potenziamento dell’impianto per la produzione di cemento della ditta Sacci Spa ubicato nel Comune di Castelraimondo. Il Consiglio si riunirà, pertanto, martedì 25 febbraio alle 16. Nel testo della mozione si chiede di “esprimere assoluta contrarietà a quanto stabilito dalla Regione”, si “impegna la Giunta municipale a porre in essere, di concerto con gli altri Comuni e con la Comunità Montana, forme di monitoraggio dell’aria lungo la valle del Potenza”, a “richiedere alla Comunità Montana la centralina per la rilevazione quantitativa delle polveri, attualmente in uso all’Istituto tecnico industriale statale “E. Divini”, da installare sul territorio comunale”.

SacciInoltre si “impegna la Giunta municipale a fornire all’Itis idonee ed opportune apparecchiature per il costante monitoraggio qualitativo dell’aria lungo la vallata del Potenza e si invita altresì la Giunta ad assumere il ruolo di capofila al fine di coinvolgere gli altri Comuni circostanti, la Comunità Montana e la Provincia di Macerata” e si “impegna la Giunta municipale ad avviare, per il tramite di operatori specializzati o organi deputati, come l’Arpam, periodici e costanti monitoraggi qualitativi dell’aria nel Comune di San Severino Marche”. Infine nel testo della mozione “il Consiglio comunale delega, ai sensi dell’art. 24 comma 3 del Regolamento la Conferenza dei Capigruppo a seguire la vicenda relazionando al Consiglio ogni sei mesi”. Nella mozione si chiede, da ultimo, la trasmissione delle decisioni del Consiglio alla Regione, alla Provincia, ai Comuni di Castelraimondo, Gagliole, Treia, Pollenza, Tolentino, Camerino, Matelica e alla Comunità Montana Ambito 4.

La Conferenza dei capigruppo ha accolto anche una seconda mozione, presentata dai consiglieri Chiodi, Lampa, Cherubini, Eusebi e Rastelletti con cui si chiede la revoca della delibera del Consiglio comunale avente ad oggetto “Alienazione area edificabile residenziale/commerciale in rione Settempeda (ex area circhi)”.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X