Bloccata banda dei furti in appartamento
Inseguiti e arrestati due uomini

FIUMINATA - Erion Mera, 23 anni e Almir Koleci, 30enne, questa mattina hanno patteggiato un anno e 11 mesi e sono tornati liberi. Un complice che era con loro è riuscito a fuggire
- caricamento letture
Attrezzi-scasso

Gli arnesi da scasso sequestrati

Hanno raggiunto Fiuminata a bordo di una Audi A4 rubata e dopo aver individuato la casa da svaligiare hanno forzato la porta di ingresso, tentando di entrare. Ma non hanno fatto i conti con i carabinieri della locale Stazione e della Compagnia di Camerino, che già da un mese erano sulle loro tracce. I militari hanno intercettato i malviventi proprio un attimo prima che potessero entrare nella casa che avevano puntato. E dopo un inseguimento hanno arrestato gli albanesi Erion Mera, 23 anni, studente, e Almir Koleci, 30enne, disoccupato, entrambi domiciliati a Perugia. Un terzo complice è riuscito a scappare. Sull’auto usata per tentare il furto sono stati trovati arnesi da scasso. Questa mattina al tribunale di Macerata, è stato convalidato l’arresto dei due albanesi, assistiti dall’avvocato Francesca Meschini. Mera e Koleci si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Poi, davanti al giudice Chiara Minerva, hanno patteggiato un anno e 11 mesi, con la sospensione della pena, e sono tornati liberi.

L’indagine che ha portato all’arresto dei due albanesi nasceva da furti avvenuti nelle scorse settimane tra Camerino, Matelica, Fiuminata ed Esanatoglia (colpi che al momento non vengono contestati ai due arrestati). I carabinieri avevano studiato la modalità in cui i furti avvenivano e avevano raccolto una serie di informazioni importanti sul conto della banda (provenienza, nazionalità, veicoli in loro uso, fotografie dei componenti). Elementi che si sono rivelati fondamentali per l’esito dell’operazione. Intorno alle 20 di ieri sera, i carabinieri di Fiuminata hanno notato una Audi A4 di colore scuro di grossa cilindrata aggirarsi nel comune.

audi-A4

L’Audi usata per i colpi

Un veicolo già segnalato per altri furti in zona. Così i militari si sono messi alla ricerca del mezzo individuandolo parcheggiato nei pressi di un’abitazione nella zona del Pontile; qui i carabinieri hanno notato tre giovani con in mano arnesi da scasso che di corsa stavano uscendo a piedi dal vialetto che porta ad una abitazione ed immediatamente è scattata l’operazione. I tre si sono visti braccati, hanno abbandonato gli arnesi e si sono dati alla fuga a piedi cercando di dileguarsi lungo il fiume, ma sono stati inseguiti dai carabinieri che sono riusciti  a raggiungere due di loro e ad arrestarli mentre un terzo è riuscito a far perdere definitivamente le sue tracce nonostante le ricerche. I militari hanno accertato che i tre avevano appena scassinato la porta di ingresso di una casa usando un piede di porco, ma non avevano fatto in tempo ad entrare perché avevano notato l’auto dei carabinieri. Tutti gli arnesi da scasso (piccone, piede di porco, cacciaviti di varie misure, trapani, torce e guanti) ritrovati sul posto e nell’Audi, rubata a Perugia un mese fa, sono stati sequestrati. Mentre l’auto, dopo i rilievi dei militari del Nucleo operativo di Camerino, è stata restituita al proprietario. Sono in corso accertamenti per risalire all’identità del terzo complice riuscito a sfuggire alla cattura; i carabinieri non escludono che si tratti di un albanese che condivide l’abitazione di Perugia con gli altri due arrestati.

 

(servizio aggiornato alle 15,15)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X