“Nove ore di attesa al pronto soccorso
per una lastra, è una vergogna”

LA DENUNCIA - E' successo ieri al nosocomio di Macerata. Alla fine, la donna di 68 anni, coinvolta in un tamponamento, è andata a fare la radiografia privatamente
- caricamento letture
L'ospedale di Macerata

L’ospedale di Macerata

Nove ore di attesa per una 68enne maceratese che voleva fare una lastra dopo un incidente al pronto soccorso di Macerata. Alla fine è costretta a rinunciare e oggi è andata a fare i raggi privatamente.
“Mia madre ha trascorso nove ore di attesa per fare una lastra al pronto soccorso, nemmeno l’hanno visitata. Alla fine siamo andati via perché con tutte le persone che c’erano ancora in attesa saremmo dovuti restare almeno altre 3-4 ore” dice Antonella Manca. La 68enne, Elisa Angelelli, ieri era rimasta coinvolta in un tamponamento. Visto che aveva “dolori cervicali e al braccio dovuti al contraccolpo, si è recata all’ospedale per un controllo veloce, per una piccola lastra” spiega Manca. La signora Angelelli è entrata al pronto soccorso alle 11 di ieri. Poi è rimasta lì per ore e ore in attesa di essere visitata. Ma niente. Alla fine madre e figlia hanno rinunciato. “Che dire, una situazione pietosa. Credo che sia una vergogna. Anche altre persone hanno dovuto aspettare delle ore lì per un semplice controllo – dice Manca –. Oggi siamo andati a fare una lastra privatamente (è costata 28 euro, ndr)”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X