I campionati paralimpici fanno il pieno

Risultati positivi per l’Anthropos Civitanova che ha organizzato la massima competizione nazionale di atletica indoor e di lanci
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
staffetta Anthropos

staffetta Anthropos

Grande successo i Campionati Italiani paralimpici di atletica indoor e lanci disputati ad ancona nel fine settimana. Risultati positivi per l’Anthropos Civitanova Marche sia dal punto di vista organizzativo sia da quello sportivo. La società civitanovese del Presidente Nelio Piermattei, infatti, ha superato a pieni voti l’esame di organizzare, per conto delle Federazioni nazionali, la massima competizione nazionale di atletica indoor ed i campionati invernali di lanci. «E’ stata la migliore edizione degli indoor di sempre, per organizzazione, per presenza prestigiosa dell’elite dell’atletica indoor e per i primati fatti registrare» – ha commentato il Presidente FISDIR Marco Borzacchini. Altrettanto soddisfatto il Presidente dell’altra Federazione, la FISPES, Sandrino Porru: «La manifestazione cresce di anno in anno e diventa sempre più bella». Durante la manifestazione, il Presidente del Comitato Organizzatore Nelio Piermattei ha voluto ricordare anche il grande Pietro Mennea, scomparso nei giorni scorsi, in apertura di manifestazione con un minuto di silenzio e al termine delle gare con una premiazione che, in suo onore, ha voluto conferire il primo “Memorial Pietro Mennea” ai migliori atleti FISDIR e FISPES nei 200 metri, categoria in cui Mennea ha primeggiato nel mondo e conquistato l’oro olimpico. Il fine settimana è stato entusiasmante anche dal punto di vista dei risultati sportivi per l’Anthropos che si conferma eccellenza dell’atletica paralimpica italiana e non solo.

Basti citare il primato mondiale stagionale di Assunta Legnante nel getto del peso con 16,29 (ad un passo dal suo record del mondo di 16,74). L’atleta dell’Anthropos, medaglia d’oro alle Paralimpiadi di Londra, ha centrato il nuovo record continentale nel lancio del disco F11 con 35 metri e 7 centimetri, oltre a prendersi anche il terzo titolo italiano nel lancio del giavellotto. Nel corso della kermesse gli atleti dell’Anthropos hanno stabilito altri 3 primati italiani: nei 200m piani e nel salto in lungo con Ruud Koutiki e nella staffetta 4×200 con, oltre allo stesso Ruud, Carlo Corallini, Alessandro Mattei e Federico Mei. Nel complesso sono 21 le medaglie, di cui 16 d’oro, conquistate dall’Anthropos  nel dettaglio, oltre alle precedenti elencate: nelle gare FISPES Riccardo Scendoni ottimo campione italiano nei 200m piani, Francesco Carciofi, all’esordio, campione italiano nel salto in alto, Luca Caporicci campione italiano nei 60m, Jonatha Riderelli medaglia d’oro nel lancio del disco e del giavellotto e argento nel getto del peso. Nelle gare FISDIR Abbadini Paola campionessa italiana negli 800m e medaglia d’oro nei 400m, Carlo Corallini campione italiano nel salto in alto ed argento negli 800m, Federico Mei medaglia d’oro nei 60m ed argento nei 400m, Marco Facchino argento nel getto del peso, Alessandro Mattei argento nei 60m, l’altro titolo di campione italiano con la staffetta 4×400 composta da koutiki, matte, corallini e mei. Bravi, anche se non a podio, Pietro Ricci e Alessandro Greco.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X