Manifesto di De Vivo:
“Costamagna, non sono un burattino”

CIVITANOVA - Il consigliere della lista Uniti per Cambiare è a un passo dall'uscita dalla maggioranza. Il sindaco Corvatta: "Con lui abbiamo avuto fin troppa pazienza"
- caricamento letture
Livio De Vivo

Livio De Vivo

 

di Laura Boccanera

Che fosse con un piede già fuori dalla maggioranza era chiaro a tutti già dall’ultimo consiglio comunale quando sedendo tra il pubblico ha fatto notare la sua presenza irrequieta a sindaco e presidente del consiglio (leggi l’articolo). Livio de Vivo, il consigliere della lista civica Uniti per cambiare pare sia ad un passo dal “cambiare” partito e sedere in consiglio come indipendente. All’origine della spaccatura con la maggioranza la presidenza della commissione bilancio. De Vivo, già eletto presidente senza i voti della sua maggioranza che era assente il giorno del voto, avrebbe barattato il ruolo a capo delle finanze con quello della commissione sport, politiche giovanili e servizi sociali. Ma il Pd e anche le altre forze politiche di appoggio a Corvatta hanno storto il naso e De Vivo grida al complotto, ricorda i voti presi, l’impegno politico e la fedeltà al sindaco. Un “baratto” dovuto secondo l’espansivo consigliere che non era disposto a lasciare la presidenza della commissione senza nulla in cambio e tornare solo in consiglio ad “alzare la mano al momento del voto”. E così la sua protesta stamattina ha preso sfumature istituzionali e non. Partiamo dalle istituzionali: pare che De Vivo abbia presentato e protocollato tre interrogazioni che non saranno però discusse nel consiglio di stasera. I destinatari sono sindaco e assessore Poeta. Apparentemente insignificante il merito della domanda. Al sindaco De Vivo chiede di sapere che fine hanno fatto i vigili di quartiere, all’assessore Poeta addirittura chiede motivazioni del perché nei giardini di Santa Maria Apparente non siano presenti dei cartelli che vietano l’accesso ai cani. Quisquilie risolvibili con una telefonata per chi fa parte della maggioranza, certamente non serve un’interrogazione che diventa però un segnale politico di avvertimento al sindaco, come a dire: “posso rompere le scatole”.

2E poi c’è la protesta più vivace e colorata: questa mattina il consigliere, mentre era a colloquio col capogruppo di Uniti per cambiare Pier Paolo Rossi prende carta e penna e attacca sulla porta del Presidente del consiglio Ivo Costamagna un cartello visibile a tutti (tra l’altro oggi in Comune erano presenti anche sindaci di altri comuni limitrofi) con su scritto: “Ivo ricorda le promesse sei tu che devi riflettere…io non sono un burrattino (con due r, ndr)”.

E Corvatta, che sorvola sull’errore grammaticale, non lascia però passare la bravata: “ Attaccare un cartello alla porta di Costamagna significa assumere un profilo istituzionale pericoloso e quello che sta facendo Livio sta diventando inaccettabile. Abbiamo dimostrato di avere pazienza con lui, ma anche la pazienza ha un limite che è ad un passo dall’essere superato. O la lista riesce a tenere De Vivo sotto controllo o De vivo è fuori dalla maggioranza”.

Una soluzione drastica e che procurerebbe un voto in meno all’attuale maggioranza, ma Corvatta non si preoccupa dei numeri: “E’ una scelta che facciamo con dolore non per paura di rimanere con un consigliere in meno in maggioranza, ma perchè De vivo è per noi come un fratello abbiamo fatto tante battaglie insieme e gli riconosciamo delle qualità, quindi decidere di estrometterlo dalla maggioranza non è una scelta fatta a cuor leggero. Tutti si devono rendere conto che noi non stiamo lì per comandare ma per dare un contributo alla città e questi giochetti per la ricerca di un postarello a tutti i costi risultano odiosi e biasimabili”.

2013-03-21 13.22.40



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni = 1