Sfonda l’auto dell’ex
e lancia pietre contro la sua abitazione
Arrestata una donna di 34 anni

I continui atti persecutori ai danni di un 50enne residente a Pollenza hanno portato alla misura cautelare nei confronti di una peruviana
- caricamento letture
casa_stalking

I mattoni lanciati dalla donna

I carabinieri di Pollenza in collaborazione con i colleghi di Loreto e il Norm di Macerata, hanno dato esecuzione a un’ordinanza emessa dal Tribunale Macerata per gli arresti domiciliari di una donna peruviana di 34 anni (C.K.) per il reato di stalking commesso nei confronti dell’ex convivente, un impiegato 50enne di Pollenza con il quale ha un figlio di un anno.

Le indagini dei carabinieri hanno accertato i reiterati atti persecutori nei confronti dell’ex, perpetrati nelle ultime settimane in maniera ossessiva con danneggiamenti aggravati, lesioni e violenze private continuate. La 34enne, residente a Loreto, già separata, disoccupata e con precedenti penali, aveva assunto un comportamento molesto con centinaia di messaggi minatori sul telefonino.

cancello_stalking

Il cancello è stato danneggiato

L’impeto della donna ha raggiunto il limite quando negli ultimi giorni, portando sempre con sè il bambino, ha sfondato il parabrezza dell’auto del suo ex, danneggiandogli i muri, il cancello e le finestre di casa lanciando mattoni e pietre prelevati da un cantiere vicino. Inoltre, denudandosi in modo sfrenato e urlando ha distrutto a colpi di mattoni l’impianto di videosorveglianza che la riprendeva. A questo punto ha tentato di scavalcare il cancello e di entrare nell’abitazione dell’uomo piegando la rete metallica di recinzione.

Svolte le indagini, i carabinieri hanno richiesto la misura cautelare alla Procura di Macerata e con l’ordine del Giudice hanno fatto ingresso ieri sera nell’abitazione della peruviana notificando l’ordinanza allo scopo di evitare conseguenze più gravi, anche per il bambino.

mattoni_stalkingLa donna si è opposta violentemente all’arresto e, spintonandoli, ha cercato di sottrarsi ai carabinieri che la bloccavano.  E’ stata dunque denunciata per resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Arrestata, è stata condotta al Comando della Compagnia di Macerata per accertamenti e poi riportata nella propria abitazione per gli arresti domiciliari.

(redazione CM)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X