Raid a Collevario
Nomade 20enne in manette

MACERATA - Denunciate anche tre minorenni che facevano parte della banda. Addosso a due di loro sono stati trovati strumenti per scassinare le serrature
- caricamento letture

furto-casa

 

Una donna in manette e tre complici minorenni denunciate: è successo ieri pomeriggio in via Pirandello (zona Collevario) a Macerata, intorno alle 18.30. La banda, composta da tutte donne, stava mettendo a segno un furto ma ha avuto la sventura di “colpire” in uno stabile dove abita un poliziotto. La donna arrestata è una nomade, T.D. di 20 anni di origine croata, in Italia senza fissa dimora, accusata di furto aggravato in concorso con altre tre connazionali anch’esse di origine croata tutte minorenni. Le quattro donne sono state sorprese da un poliziotto in servizio in Questura che abita lì, che entrando nel palazzo dalla porta che si apre dalla zona garage, aveva sentito sbattere forte una porta e subito dopo il rumore provocato da più persone che salivano velocemente le scale per raggiungere i piani superiori. Il poliziotto, intuito quanto stava accadendo, prima ha  bloccato le donne e poi ha chiesto aiuto al 113 che ha inviato immediatamente sul posto la “Volante”.

Gli agenti hanno ricostruito quanto successo, individuando l’appartamento preso di mira. Sulla serratura erano presenti evidenti segni di effrazione: la proprietaria della casa è arrivata subito sul posto e da un primo controllo ha riscontrato il furto di 100 euro rubati dalla camera da letto. Tutta la stanza, peraltro, era stata messa a soqquadro.

La perquisizione sulle quattro giovani ha consentito di trovare addosso a una di loro due grossi cacciaviti e su un’altra un paio di forbici, strumenti presumibilmente usati per scassinare le serrature. Insieme a due paia di guanti, questi attrezzi sono stati posto sotto sequestro.

L’udienza di convalida e il processo per direttissima della maggiorenne, peraltro gravata da numerosissimi precedenti penali per reati contro il patrimonio, si sono tenuti questa mattina presso il Tribunale di Macerata. La giovane croata è stata condannata a otto mesi di reclusione e 300 euro di multa con divieto di dimora nel comune di Macerata.

Le tre minorenni, anch’esse gravate da precedenti penali per reati contro il patrimonio, sono state tutte denunciate alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Ancona per lo stesso reato.

Inoltre, le due minorenni su cui sono stati rinvenuti gli arnesi da scasso saranno segnalate anche per il reato di porto di strumenti atti ad offendere.

(redazione CM)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X