Bandiere tricolori in piazza
contro Miss Padania

CIVITANOVA - Morgoni: (Pd) "La manifestazione è una vera e propria provocazione", Pergolini (Lega Nord): "Solo un concorso di bellezza, nessun comizio ma dibattito aperto a tutti"
- caricamento letture

MissPadania_misselette_3-300x224

 

di Laura Boccanera

Se il patriottismo emerge con Miss Padania. Sarà che ormai la politica è fatta sempre più da minigonne e tacchi a spillo, fatto sta che le selezioni per Miss Padania a Civitanova hanno sollevato un polverone di proteste e prese di posizione. E se il sindaco Massimo Mobili evita di commentare il tutto “abbiamo altre cose a cui pensare” dice laconico, in città da qualche giorno non si parla d’altro. E all’improvviso tutti in piazza contro Miss Padania: una discesa in campo con tanto di tricolore e di inno di Mameli da parte del Pd che non ci sta a far scadere il tutto a semplice evento folcloristico: “La manifestazione della Lega Nord a Civitanova Marche non puo’ essere circoscritta ad evento folcloristico e carnevalesco – dice Mario Morgoni – ma come una vera e propria provocazione che deve suscitare nei cittadini, nelle associazioni e nei partiti democratici, una reazione di protesta civile, ma ferma e determinata. Chiudere gli occhi di fronte a tale situazione non significherebbe sopportazione o arrendevolezza, ma complicità”. mario-morgoniMorgoni conclude invitando per domani alle 17.30 un corteo in Piazza con bandiere tricolori per manifestare il dissenso. Di tutt’altro avviso invece Michela Pergolini, responsabile del gruppo politico femminile Lega Nord Marche: “Siamo sconcertati – afferma – la manifestazione di Miss Padania è già alla sua III^ edizione nella provincia di Macerata e quest’anno si è deciso di cambiare la location per motivi logistici e organizzativi. Questa manifestazione come tanti altri concorsi di bellezza vuole essere per le partecipanti un momento di divertimento, di aggregazione nonchè la possibilità di poter partecipare alla kermesse finale del concorso che si terrà poi a Milano e andrà in diretta sulle reti nazionali e niente ha a che vedere con la mercificazione e lo sfruttamento del corpo femminile. E anzi ricordiamo che per la pubblicizzazione della Festa del PD a Roma,

pergolini

Michela Pergolini

nel manifesto era figurata una donna con la gonna sollevata dal vento! Inoltre non è in programma un vero e proprio comizio politico leghista, ma un dibattito aperto a tutti gli schieramenti”. Nel frattempo al Lido Caffè è tutto pronto per eleggere la “reginetta verde” che accederà alle finali di Milano, e visto mai che ad indossare la fascia per la cisalpina bellezza non sia una “terroncella” marchigiana.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X