Dall’Udc arrivano i “lealisti”
pronti a una lista civica per Capponi

Diversi esponenti dei centristi non hanno gradito l'alleanza con il Pd. Nel frattempo Augusto Ciampechini si dimette dalla segreteria provinciale
- caricamento letture
CiampechiniAugusto1-200x300

Augusto Ciampechini

di Roberto Scorcella

Il telefono di Augusto Ciampechini squilla a vuoto. Da questa mattina è impossibile parlare con quello che è ormai l’ex segretario provinciale dell’Udc.  Ciampechini ha rassegnato le proprie dimissioni dall’incarico politico che ricopriva in aperta polemica con la scelta del suo partito di coalizzarsi con il Partito Democratico alle provinciali e lo ha fatto con una missiva inviata al segretario regionale Antonio Pettinari e al direttivo.  D’altronde, Ciampechini non aveva mai fatto mistero delle sue posizioni che tendevano manifestamente alla conferma dell’alleanza risultata vincente alle Provinciali del 2009 o, tutt’al più, alla costituzione del Terzo Polo. Lo aveva detto di fronte a Cesa e Casini a Roma: non voleva che l’Udc potesse essere accusato di meretricio. E, anche se potrebbero essere stati anche questioni personali oltre alla politica a portare alle dimissioni, Ciampechini non ha fatto passi indietro, arrivando alle dimissioni in polemica (più o meno aperta) con la scelta fatta dal partito. Ma l’ex segretario provinciale non è certo il solo a non aver digerito la scelta di andare contro Capponi. Sembra quasi certo, infatti, che ci sia un nutrito gruppo di transfughi dell’Udc che ritiene la decisione di andare insieme al Pd in provincia di Macerata una sorta di suicidio politico indotto dall’alto, senza consultare la base. E sarebbero diversi gli esponenti del partito di Casini pronti a non seguire le direttive ufficiali per appoggiare invece Franco Capponi. Una sorta di piccolo esercito “lealista” che si dice pronto (le manovre sono già iniziate e sembrano a buon punto) a sostenere il presidente uscente con una lista civica composta per lo più da esponenti dell’Udc in rotta con la segreteria regionale. Del gruppo di iscritti e simpatizzanti dell’Udc fedelissimo a Capponi, però, al momento non dovrebbero far parte nè lo stesso Ciampechini nè l’ex assessore cingolano Giorgi che pure non aveva usato giri di parole per manifestare la propria contrarietà all’accordo col Pd.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X