Antica sepoltura dimenticata (Foto)
Centinaia di ossa sotto la piazza

MACERATA - I primi resti sono stati trovati il 28 luglio, gli scavi sono proseguiti e sono emersi ulteriori reperti: tanti sono bambini. L'assessore Silvano Iommi: «L’ipotesi più probabile è che siano stati spostati dalla chiesa di San Salvatore che un tempo esisteva vicino agli odierni Cancelli. Non credo le morti siano dovute ad una pandemia. Di Certo è qualcosa di cui nessuno era a conoscenza e non c’è sugli annali»
- caricamento letture
ossa-piazza-annessione-macerata-5-e1660663394841

Alcune delle ossa ritrovate

 

di Gianluca Ginella

Una cisterna con all’interno centinaia di ossa, tra queste quelle di bambini. Questo è stato sinora trovato in piazza Annessione, a Macerata. Le prime ossa erano state scoperte il 28 luglio quando operai del Comune erano intervenuti per via di un avvallamento a due passi dai Cancelli, provocato probabilmente da un forte temporale. Erano emerse le prime misteriose ossa ma forse nessuno si aspettava che ne sarebbero state trovate centinaia.

Iommi_RigenerazioneUrbana_FF-6-650x434

Silvano Iommi

Ossa di cui nessuno aveva memoria. «E’ qualcosa del tutto sconosciuto agli annali – dice l’assessore all’Urbanistica, Silvano Iommi, che sta seguendo la vicenda -. Nessuno sapeva di questa presenza qui. Colpisce l’alta percentuale di ossa di bambini. È chiaro che è qualcosa di indistinto perché oltre a bambini ci sono ossa di adulti, alcuni di particolare altezza. L’operazione si chiude qui con una campionatura delle ossa prelevate dalla Soprintendenza che le analizzerà appena possibile e noi da parte nostra vedremo se riusciremo ad eseguire qualche analisi per poter datare le ossa». Una traccia dalla terra è emersa per dare una datazione «pezzi di ceramica – continua Iommi – che potrebbero risalire al 1500, 1600».

ossa-piazza-annessione-macerata-4-650x482Ossa relative a qualche antica pandemia? «Non credo, perché in quel caso sarebbero state sepolte fuori dalle mura – spiega l’assessore -. Certo, a meno che le ossa non siano lì da prima che le mura fossero edificate. L’ipotesi più plausibile è che le ossa si trovassero nella chiesa che un tempo c’era sulla piazza, la chiesa di San Salvatore, di cui si ha memoria dall’anno Mille, e che durante lavori di totale ristrutturazione dell’edificio siano state spostate all’interno della cisterna». Sulla cisterna, spiega Iommi «è circolare, di circa due metri e mezzo di diametro per una altezza di circa sei metri, con una cupola la cui parte alta fu tagliata in epoca remota, al momento della realizzazione di piazza Annessione».

Lo scavo effettuato sulla piazza è stato di un metro e mezzo poi è stata fatta scendere una sonda per un ulteriore metro e mezzo «e si vedono altrettante ossa. Inoltre la sonda si capisce che potrebbe scendere ancora più a fondo. Le ossa trovate – aggiunge – sono ben conservate, di persone che non avevano malattie particolari, deformazioni». Parte delle ossa sono state raccolte dalla Soprintendenza per essere analizzate, le altre sono state portate al cimitero.

Scavi per sistemare un avvallamento: trovati resti umani ai Cancelli (Foto)

ossa-piazza-annessione-macerata-1-650x501

ossa-piazza-annessione-macerata-2-650x499

ossa-piazza-annessione-macerata-3-510x650



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X