Civitanovese, tre punti per respirare.
Ma la Rata si guarda da lontano

MATITA ROSSOBLU - Gli uomini di Vagnoni si rialzano dopo gli ultimi risultati negativi ma, vista l'anemia di un attacco pieno di esterni e con un solo centravanti, devono continuare a macinare punti se vogliono restare in zona playoff
- caricamento letture

 

civitanovese-futura-96-FDM-5-325x216

di Aldo Caporaletti

La Civitanovese ritrova la vittoria dopo tre ko e un pareggio e il subbuglio autocreato con silenzi e conferenze stampa. Lo fa contro la Futura 96 reduce da tre sconfitte, inframezzate dal successo di Monturano. I rossoblu riescono a prevalere nei minuti finali con punizione del solito Visciano (cinque centri in stagione), bissata dalla rete nel recupero di Niane (leggi l’articolo). Proprio l’ingresso del senegalese – lasciato per settimane a fare le ragnatele in panchina – per ragioni di under (la Civitanovese era priva dello squalificato Smerilli; Balloni e Cordoba) è stato determinante per risolvere la partita. Ha partecipato all’azione che ha portato alla punizione di capitan Visciano e ha segnato agli sgoccioli con la Futura rimasta in dieci (espulso Pelliccetti). I fermani, anche loro con uno squalificato (l’esperto centrocampista Conte), si presentavano spuntati, con la coppia di attaccanti Cingolani (civitanovese doc) e Pelliccetti acciaccata. Tanto che, in pratica, hanno giocato un tempo a testa.

civitanovese-futura-96-FDM-3-325x216I rossoblu partivano in condizioni ottimali, a conoscenza che negli anticipi due concorrenti ai playoff (Aurora Treia e Monterubbianese) erano state battute. Che l’attacco della Civitanovese sia il punto dolente di una squadra che punta al vertice è cosa risaputa. Mal costruito in sede di mercato, pieno di esterni e con un solo centravanti. Si è attesa la chimera Gragnoli – assente nella prima parte della stagione – che però non s’è mai concretizzata. Risultato: un reparto offensivo a livello playout, tanto che l’Atletico Centobuchi ha segnato di più. Ma l’interesse degli sportivi che seguono la Promozione era rivolto al big match di giornata tra le prime della classe. Con la Maceratese, al settimo sigillo consecutivo, che ha violato per la prima volta in stagione il terreno del Chiesanuova. Protagonista la punta Diemè: per comprenderne le qualità tecniche, dare un’occhiata al gol segnato nella gara precedente alla Monterubbianese.

Civitanovese-Palmense-3-325x186La punta Diemè con il regista De Cesare (ruoli sconosciuti alla Civitanovese) sono i protagonisti – sotto la sapiente guida di un tecnico esperto come Trillini – della svolta della Rata. Club che ha avuto la forza di allontanare la “vipera” Mastronunzio, giocatore più ingombrante che decisivo. La riprova che investimenti consistenti e ben indirizzati possono fare la differenza. Nella recente conferenza stampa, il presidente rossoblu Profili ha dichiarato che il budget di stagione è il maggiore della sua gestione (leggi l’articolo). Rose delle squadre alla mano ed essenziali conoscenze del calcio dilettantistico, emerge che la Maceratese ha investito almeno un trenta per cento in più. I biancorossi hanno, a differenza della Civitanovese, un organico ampio, con tutti i ruoli coperti. Il patron rossoblu ha rassicurato sulla solidità economica societaria, in grado di vincere sia il torneo di Promozione che quello di Eccellenza.

civitanovese-futura-96-FDM-7-325x216 Affermazione che si scontra con il fatto che il club ha chiesto alle famiglie dei ragazzi delle giovanili la devoluzione del cinque per mille (decisione non assunta alla Maceratese) e pensa, per lo svolgimento dell’attività sportiva, ad aiuti pubblici. Il risultato è che i cugini biancorossi hanno accorciato a quattro punti il distacco dalla capolista Chiesanuova, promettendo un finale entusiasmante. Mal che vada non disputeranno, dato il vantaggio accumulato, il primo turno dei playoff. Mentre la Civitanovese deve stare attenta a non aumentare il ritardo dalla terza piazza, attualmente di nove punti, altrimenti non farà gli spareggi.

Colpo di coda Civitanovese: Visciano e Niane nel finale regalano una vittoria scaccia crisi

Profili: «Stufo dei tifosi da tastiera, basta illazioni sulla Civitanovese La gestione della società è limpida»

La Maceratese degli “inarrestabili” ora sente il profumo dell’impresa

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =