Li stornelli
co’ l’invocazio’ a un fiore

LA DOMENICA con Mario Monachesi
- caricamento letture
Mario-monachesi-2-e1609661151847-325x248

Mario Monachesi

 

di Mario Monachesi

“Tra li tanti stornelli che se sintia cantà’ ‘na orda, ce ne statia ‘na massema che ‘ttaccava co’ “Fiore de…”. LI fiuri numinati adèra per lo più fiuri umili, quilli non da vitrina de fiorà’, pumpusi, rliccati, ma quilli che nascia e muria su li campi, su che rami de pianta, o otra che greppu.

De fatti (infatti), da ‘ste parte e, nelle Marche tutte, li stornelli, o strambotti, se chjamava anche “Fiore” perché solo ècco cuminciava, appunto, co’ l’invocazió’ a un fiore.

Nonostante la puisia dell’iniziu, po’ doventava stornelli a dispettu, o a vatoccu, come tutti l’atri”. Ma, certo anche jintili (gentili).

“Fior de mughitti

stateteme a sintì’ o velli o vrutti

io canto per tutti, ricchi e puritti;

ma po’ quanno passo col piattino

se potete, buttatece un quattrino”.

“Fiore de ginestra

li stornelli io li canto co’ la testa

e no’ me serve né scola né maestra”.

“Fiore de lino

eriamo in due ‘nnammorate d’uno

ugnuna tirava l’acqua al suo mulino

or volentieri te lu lascio quel cretino”.

“Fiore de patate

l’amore miu è jitu a Roma a mète

m’ha mannato a di’ che se fa frate

monneca me faccio io, lo vedarete

in un conventu pe’ le svinturate”.

“Fiore de camumilla

se bìi lo vi’ a garganella

sinti sotto lu munnu che te vrilla”.

“Fiore de rapa

lu pesce sotto l’acqua ‘n ce se ‘ffoca

lu sorrece (topo) sotto la pula non se ‘ccèca,

la donna sotto l’omu non ce crepa

ma quasci sempre pure li sordi je cce freca”.

“Fior de mintuccia

quant’è brutta la donna che se ‘nvecchja

‘ssumija a ‘na cucciola senza cocchja”.

“Fior de viola

o pecorà’ veni qua jó l’ara

veni a capà’ la lenta (lenticchia) da lo grano

appena finito jimo a lettu assèmo”.

“Fior de pummidoru

lu jornu che in chjesa jimo pari, pari

co’ li capiji ‘nnanellati d’oro

lu core scoppierà de ‘mmidia (invidia) a le comari”.

“Fiore de sulla

quarghe cojoneria vesogna dilla

la coda a lu somaru sempre sgrulla

e l’erba come se troa ‘gna magnalla”.

“Fiore de canne

c’è chj se la farrà su le mutanne

quanno lu cuntu a Dio dovrà rènne”.

“Fiore de cardi

pe’ campà’ in pace basta èsse cechi e surdi

pe’ campà’ bene ce vole tanti sordi”.

“Fiore de ruta

no’ gne sse fa più a ji avanti co’ ‘sta vita

de fame ‘gna murì’ se Dio non ce juta”.

“Fiore de magghjorana

recorda che lu gattu de la pontecana

dice sempre: “Oh quant’è bona!”

Perché se la pò ‘cchjappà’, poverina

se la sgrana e ppo’ sta vè’ ‘na sittimana”.

“Fiore d’erbacce

che te pozza pijà’ tremila gocce

voli fa’ l’amor co’ me, ci-hai cento facce

te sse pozza murì’ tutti l’amanti

e co’ lo ride a me se cascherà li denti”.

“Fiore de faetta

li vaffi ce l’avete de ‘na gatta

le mosse de la testa da cioetta

li regazzi te sse ‘vvicina e ppo scappa”.

“Fior de trifojo

li faccio li mazzitti e ppo’ li venno

li vecchj ‘tunno a me non ce li vojo,

se tròo un giovane bellu me lu pijo

e je faccio magnà’ quello che vojo”.

“Fiore de cicoria

e t, carina mia, non te da’ tant’aria

che de la vita tua ne so la storia

se me cce metto faccio scurì’ l’aria”.

“Fiore d’alloro

quanno che parli tu raja un somaru

e de li raji tua no’ mme ne curo”.

“Fiore d’erba rogna

co’ la vision de te che me ‘ccompagna,

lu core mia ad occhj aperti sogna”.

“Fior de sammugu

non serve che me guardi e fai l’ucchjttu

io tanto lu regazzu me lu so’ rfattu

più bellu assai de te e più graziusittu”.

“Fiore de galle

guarda su in cielo che jiru de stelle

vacce, biondina mia, vacce a contalle

lo vène che te vojo è più de quelle”.

“Fior de giacintu

quanno vederai rdemoniu fattu santu

‘na donna troerai de cor non fintu”.

“Fiore de ficu

come campete vu senza maritu

che senza moje io moro disperatu”.

“Fiore de perseca (pesca)

bellu che vai facenne de ‘ste parte?

Quante n’hai minghjonate de regazze?

Ma a canzonà’ a me non te riesce”.

“Fiore de gramaccia

tutti dice che si ‘na gran donnaccia

io da te no’ me faccio sprème goccia a goccia”.

“Fiore de cipressu

joenottellu da lu curpittu rusciu

avanti casa mia ‘llonga lu passu

che quello che voli da me datte non pozzo”.

“Fior di cerasa (ciliegia)

voi siete, bella mia, de troppa spesa

per questo, amore, non vi porto in casa”.

“Fiore de grespegne

che ‘spetti sole che non butti lonne

che no’ bbrusci ‘ste jente maligne;

lu munnu s’è rrimpjitu de carogne

comme lu campu de magghju de papagne” (papaveri).

“Fiore de zucche

giovanettuccio de tante regazze

tu fai comme le rose su le fratte;

fa tanta viguria, ppo’ se moscia tutte”.

“Fiore dell’urmu (olmo)

a mezzo lu mare c’è un pesce tunnu (rotondo)

quanno vede le vèlle va notènno

quanno vede le vrutte cala a fonno”.

“Fiore de quadrifoju

il mio amore m’ha spidito un foju

l’ha sigillatu co’ ‘na spiga d’aju,

llà dentro c’era scritto: “Non te vojo,

fossi copertu d’oro non te pijo”.

“Fiore de ‘nzalata

sarria proprio l’ora de falla finita

non basta a vedé’ tanta jente massacrata?

Se dice che la guera adè finita

spero tanto de stroà’ la fidanzata”.

“Fiore de sulla

a voja a dimme: “Su bellina, valla!”

La sottanella mia nisciù la sgrulla,

la pò sgrullà’ chj m’ha spusato

solo quell’omu co’ me sarà beato”.

“Fiore de ‘cacia (acacia)

lu matitu tua va sempre a caccia

me dice che cerca solo la veccaccia

ormà’ l’arà capito che me scoccia”.

“Fiore de canna

bella se voi vinì’ co’ me a la vigna

ce la so fatta ‘na bbella cappanna

lu lettu te so fatto de gramigna

e li cuscini de foje de canna

li lenzoli co’ li pambini dell’ua

durmi, bellina, che mo sci tutta mia”.

“Fiore de rapa

quanno te so ‘ncuntrato jó la cupa

m’è sembrato de vedé’ ‘na vrutta pupa”.

“Fiore de menta

è ‘nutole (inutile) strillà’: “Madonna santa!”

Sci vuluto magnà’ troppa pulenta,

e se ce cuntinui in più a bè’ lo vi

è difficile che ‘rrìi a lunnidì”.

“Fiore de rughetta

chj crede a lu malauguriu de la cioetta

duvria aé per coda ‘na pajetta

ovvero per cervellu acqua schjetta

de paura c’è piriculu che schjatta”.

“Fior de fascioli

era ‘na orda che te li capavi

adesso te tocca amà’ chj non vulivi”.

“Fiore de cipressu

bellina se te piace lo pa’ frisco

spusa lu contadì’ che lo fa spisso,

bellina se te piace lo pa’ bianco

no’ lu spusà’ che lo fa ‘na orda all’anno”.

“Fiore de carota

se la jente dice male de me no’ me ne ‘mporta

lu maritu lu so troatu e ciò me vasta”.

“Fiore de lilla

tutti me dice che so’ bruttarella

li pagni e li quatrì’ me fa più bella”.

“Dijelo vè’ fiore de lilla

te lo recordi vèlla jó la stalla

tu guardavi in celo, io per tera

pe’ tistimone c’era la vitella

io te spuserò quanno parla quella”.

“Fior de giacintu

lu core mia è sinceru e me ne vanto

non è come lu tua busciardu e fintu”.

Un esempio tipico di stornello “con fiore” è presente nella “Cavalleria rusticana”, atto unico di Pietro Mascagni, su libretto di Giovanni Targioni / Tozzetti e Guido Menasci; “Fior di giaggiolo / gli angeli belli stanno a mille in cielo / ma bello come lui ce n’è uno solo”.

Tra qualche giorno sarà estate, quindi il tempo giusto “pe’ cantà’ li stornelli come se facia ‘na orda, quanno nonostante tutto c’era l’alligria quella vera, sintita e partecipata co’ lu core. Quanno se cantava da un campu all’atru. Noantri rfaciamolo, se no’ da un campu all’atru, da ‘na terazza all’atra.

Arproamoce…”

“Fiore de fenocchju

tu che te ne stai de llà de lu fossu

zompa de quà che cantimo a batoccu

ce facimo ‘na vèlla sbitoccata

che ce fa sta bbè’ per un’annata”.

Io benedico tutti li fiuri

massimamente quilli de jinestra

e benedico tutti li sonatori

senza de loro non se fa la festa”.

(Mario Monachesi)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X