Ci ho fame,
pizzica lo strame

LA DOMENICA con Mario Monachesi
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
mario-monachesi-e1587885168418-325x308

Mario Monachesi

di Mario Monachesi

“Ci-ho fame. / Pizzica lo strame “.

“Quante orde da vardasci ‘imo sintito ‘sta votta e risposta?

Lo strame adè le stoppie de lo gra’ e l’erba, fargiate assème, doprati sia come fioragghju pe’ le vestie, che per faje li letti (lettiere) su lu piaciuti de la stalla”.

“L’asinu che ci-ha fame, / magna ogni strame”.

“Quanno se mitia, a ‘lli tempi co’ la fargetta (falce messoria) e la fargefienara (falce fienaia), la stoppia se lasciava arda. Li mutivi adèra dui, primu perché cuscì se mantinia più pulita la spiga, secondo per lascià’ ‘n po’ de paja e mischjalla co’ l’erba che poco dopo, èllo menzo, nascia e allora potecce fa’ lo strame.

Sistemato lo grà, cioè mituto (mietuto), radunato (trasportato sull’aia) e battuto (trebbiato), ‘rriava li jorni de lo fargià’ lo strame, o stramo, perché lu terenu duvia èsse prima che se putia prontu pe’ laorallu (ararlo), o per facce cresce l’erba noa. Lo stramo adèra utele (utile) pe’ sparagnà’ lo fié’ e lasciallo per l’inguernata (invernata), ‘lla orda longa e dura da passà’, perché a negne ce ‘ppogghjava.

Come pe’ lo fiè, appena fargiato se lasciava spaso a lu sole, po’ se rghjrava pe’ seccallo anche dal’atra parte e su la fine se rportava a casa e ce se facia lu pajà’ de lo strame. Anche ‘sta fadiga vinia fatta a rajudu co’ li vicinati. Durante la jornata ce scappava pure che cantu a batoccu (o vatoccu)”.

“Chj ci-ha lu cavallu e non ci-ha lo strame, / in capu all’annu se gratta lo forame”.

“Co’ la rusura de lo stramà’, cioè co’ l’avvanzi de lo strame dato a le vestie, lu contadì’, co’ quello che cascava per tèra da dentro le greppie ce rfacia li letti do’ l’animali, ‘acca (vacca), toru o vitellu, se corgava e facia li vesogni. Pe’ falli sta sempre sciucchi, je ce ‘mpajicciava, dopo aé (avere) sgrasciato, matina e sera lu piancitu de la stalla”.

Strame, dal latino “sternere”, in questo caso “distendere” (steso a terra), in alcune luoghi viene detto “seccia”, ovvero taglio del fieno.

Scrive Dante nel canto XV dell’inferno: “Faccian le bestie fiesolane strame / di lor medesime, e non tocchin la pianta, / s’alcuna surge ancora in lor letame,…”.

Anche il Guicciardini (Francesco, Firenze 1483 – Arcetri 1540), ha scritto: “Alloggiano i nimici al coperto, provvisti di vettovaglie e di strami…”.

In montagna lo strame era composto da fogliame e aghi degli abeti, oltre che per le lettiere nelle stalle, veniva utilizzato anche come materiale da riempimento per letti e giacigli. In quei boschi c’era anche lo strame da erba ed era composto dall’intera gamma della vegetazione bassa.

In zone degradate del mondo, lo strame ha avuto anche funzione di materiale da costruzione. Con esso è stato possibile realizzare capanne e tetti.

Strame ha anche qualche altro significato. Quando, ad esempio, si dice “Far strame di qualcuno” si intende annientare con critiche e accuse inoppugnabili, una persona. Annichilirla nella più bassa umiliazione.

“Anche l’animali de le stalle de ‘na orda, quanno mejo non c’era…duia ji a durmì’ co’ la moje, cioè, se duvia ‘ccontentà’ de lo strame, stoppie e erba secca fargiate a ma’ d’istate.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X