Caso Iliac, parla Mirco Braconi:
«Inaccettabili le illazioni del Pd»

POTENZA PICENA - Il presidente del Consiglio comunale controbatte ai sospetti del centro sinistra riguardo ai rapporti tra l'associazione culturale e l'amministrazione. «Le accuse mosse sono un offesa a chi si adopera per realizzare eventi in città»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
mirco-braconi

Mirco Braconi, presidente del Consiglio comunale di Potenza Picena

«Sono davvero incredulo nel leggere le pesanti e inaccettabili illazioni mosse dal Pd di Potenza Picena sulla stampa di questi giorni, in merito all’associazione Iliac, allo svolgimento della Irish Fest, all’operato degli Uffici comunali e allo strano coinvolgimento mio, della mia famiglia e di quella di altri amministratori». A parlare è il presidente del Consiglio comunale di Potenza Picena, Mirco Braconi, in risposta alle accuse del centro sinistra locale, riguardo il rapporto tra i fondi del Comune e l’associazione culturale Iliac (leggi l’articolo). «Da sempre, sia prima con amministrazioni di centro sinistra che ora, io e la mia famiglia partecipiamo alle varie attività socio-culturali della nostra città, aiutando, spesso in prima persona, anche lavorando fisicamente come volontari in molte delle associazioni cittadine che si adoperano per offrire accoglienza e un’ampia offerta di belle situazione da vivere e condividere nella comunità». «L’associazione Iliac – precisa Braconi – è formata da molti volontari che si sono adoperati per rafforzare e valorizzare il gemellaggio che lega Potenza Picena con la città di Templemore in Irlanda, e non vede la presenza nel suo direttivo nessun familiare degli amministratori attuali. Le procedure che la riguardano sono assolutamente legittime e la stessa associazione non ha ricevuto, da parte del Comune, nessun favoritismo. Anzi, oltre a garantire le sei serate di musica con musicisti provenienti dall’Irlanda (tramite prestazione artistica), si sono anche occupati dell’ospitalità e della logistica, riuscendo ad affrontare spese ben più consistenti grazie all’instancabile lavoro dei volontari negli stand ed al supporto di privati. In questa direzione è andata la mia richiesta, in qualità di capo delegazione del gemellaggio, in rappresentanza dell’amministrazione comunale alla Aspp di una sponsorizzazione alla manifestazione di musica cultura e cibo irlandese». «Ritengo le accuse mosse dal Pd – conclude – una vera e propria offesa a tutti quei volontari, dell’associazione Iliac e non solo, che si adoperano fattivamente per realizzare eventi per la nostra città, ma d’altra parte non mi aspettavo niente di diverso da chi in campagna elettorale definiva tutte queste manifestazioni “una sagra della porchetta”. Un’accusa vile ed infondata nei confronti del corretto lavoro degli uffici comunali, della mia persona, nonché del ruolo che rappresento».

Caso Iliac, il Pd contrattacca: «Dal sindaco solo vittimismo e nessuna smentita dei fatti»

Polemica Iliac, il Comune: «Il Pd diffama, noi investiamo sul territorio»

Potenza Picena, il Pd grida allo scandalo: «Soldi ai parenti degli amministratori tramite un’associazione fantasma»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X