facebook twitter rss

La Mozzi-Borgetti si presenta,
nuova luce in un cuore antico
«Per Macerata è una terza corsia»

TAGLIO del nastro per il grande restauro della biblioteca di piazza Vittorio Veneto. Tra le novità BiblioKid, Biblioyoung e l' auditorium. Un luogo dove si mescolano la free art di Morden Gore, l'orologio di padre Matteo Ricci e la poetica 'visiva' di Silvio Craia. Costo totale dei lavori, 3,5 milioni di euro
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
95 Condivisioni

Il taglio del nastro

 

di Maurizio Verdenelli (foto di Fabio Falcioni)

Il cuore antico (ed insieme la mente) di Macerata. Già, ma quanti maceratesi lo conoscono, hanno cioè visitato la biblioteca comunale voluta da uno sponsor venuto da Bergamo e che prima dell’800 fu collegio dei gesuiti? Non molti. Il dubbio crudele di Romano Carancini che oggi ha tagliato il nastro tricolore (i vecchi mai abituati riti) consegnando la nuova Mozzi-Borgetti ai lettori di buona volontà rimasti in questa città che fu Atene delle Marche.

Il sindaco Romano Carancini, il vescovo Nazareno Marconi e la vicesindaca Stefania Monteverde

«Una biblioteca pubblica e gratuita aperta a tutti», ha detto il sindaco non rivelando sempre nuove ‘sorprese’. Ed indicando lo spazio che fu di ‘Macerata granne’: l’ex teatro da 800 posti de Le Terme alias il cafè chantant dei maceratesi che all’inizio del secolo scorso sapevano come ‘passare terapeuticamente le acque’ e pure godersi la vita e i suoi piaceri senza dover andare a Parigi. Prosa, commediografi e il grande Luigi Pirandello di passaggio e pure…Moulin Rouge. Carancini non ne ha fatto cenno anche per la presenza di ‘don Nazareno’ (parole sue), il vescovo Marconi. Con la chiesa locale, che causa sisma ha scelto l’Abbadia di Fiastra un po’ come propria rinascente Avignone c’e’ infatti un progetto – ha rivelato Carancini – di partnership. Che nel nome dell’incontro popolare vedrebbe l’ex collegio dei Gesuiti collegato alla chiesa di San Giovanni. In diretta la conferma di monsignor Marconi che ha promesso, se tutto andrà bene, prospettive rosee per l’intero quartiere del centro storico. Altri spazi intanto per la lettura nella speranza che avvenga il ‘miracolo’ presente nel film ‘La storia infinita’: uno spezzone è stato infatti voluto da Carancini come ‘introibo’.

Il sindaco ha ringraziato tutti a cominciare da Antonella Agnoli che 7 anni fa gli aprì gli occhi parlandogli di un suo libriccino sul valore della biblioteca: «Se ce l’ho fatta io a finire di leggerlo, ce la possono fare tutti», ha rivelato con modestia Carancini. Che ha detto grazie anche all’assente governatore Ceriscioli (la Regione ci ha messo parte dei 3,5 milioni dei costi) e c’e stato pure un applauso per l’ex dirigente Sfrappini, intervenuta dopo con il successore Gianluca Puliti. Grazie inoltre ed in extremis per l’assessora Federica Curzi e per il funzionario Massimiliano Pavoni che ha dormito in sacco a pelo (ha specificato lui) stanotte perché tutto fosse pronto questo pomeriggio. Con loro un gruppo di ragazze e ragazzi che hanno gettato assieme a tutti i dipendenti il cuore oltre l’ostacolo. Il risultato è davvero ragguardevole. Un luogo ricreato ex novo dall’architetto Marco Scrivani e da Simone Pennesi, un luogo composito dove la free art di Morden Gore viene subito dopo l’orologio di padre Matteo Ricci, eroe eponimo del posto, e la poetica ‘visiva’ di Silvio Craia, «Nel nome di Emilio Villa», mi dice lui all’ingresso, mescolato tra autorità (c’e con il vescovo, il questore Pignataro e i vertici delle forze dell’ordine).

Ed adesso, ai funesti tempi dei social la nuova biblioteca è pronta a ricevere i suoi auspicati fruitori a cominciare naturalmente dai più giovani. Ecco allora BiblioKid, Biblioyoung, lo splendido auditorium dove è avvenuta la cerimonia, e la sala di lettura nel nome di Libero Paci, altro eroe eponimo, questo contemporaneo, della nuova Casa comune del capoluogo. E si potrà scrivere sui muri, come ha progettato Scrivani (nomen omen), ma ‘adelante con juiicio’ ha sottolineato più o meno e non a caso, Puliti. Si tratta di un progetto che non ha nulla a che vedere, per intenderci, con i disegni ‘liberi’ sbocciati con esiti non soddisfacenti pure a Macerata. No, gli unici graffiti ammirevoli sono quelli di Morden Gore, il caposcuola che Macerata ha la fortuna di avere, come sanno ogni giorno anche gli utenti dell’ascensore per il centro. In conclusione, Scrivani chiamando al proscenio i proff Antinori e Catani e il tecnico Santuno, ha spiegato i motivi ispiratori del grande restauro protrattosi per alcuni anni e che ha visto qualche tempo fa una precedente cerimonia attraverso la quale il Comune ha messo a disposizione della città, una prima cospicua opzione di questo cuore antico ed un po’ sconosciuto che fu casa e scuola di un allievo che sarebbe diventato famoso nel mondo: padre Matteo Ricci.

Silvio Craia, al centro

A farne la storia più recente della Mozzi Borgetti, la vicesindaca Stefania Monteverde che ha lasciato poi la scena, a lungo detenuta, dalla Sfrappini: «C’era proprio bisogno di questo recupero anche per dare la necessaria ‘aria’ ad un servizio, quello culturale, fino a ieri limitato negli spazi». Ultimo ad intervenire nel gran finale il presidente di Macerata Cultura, Ermenegildo Pannocchia: «Questa biblioteca per Macerata è come una terza corsia». Insomma, un grande cambiamento per la nuova Casa di tutti, a cominciare dall’ingresso, spostato a qualche metro, rispetto a quello precedente. Non sbagliate dunque l’ingresso e soprattutto non perdete l’orientamento perché questa biblioteca e’ un dedalo meraviglioso dove c’e’ posto non solo per i libri ma financo per i giochi. Non a caso in conclusione, “don Nazareno’ (si è detto futuro utente, lui che l’altro giorno ha dato alle stampe l’ultimo suo libro) ha ricordato come “non solo di pane vive l’uomo”.

Forbici roventi a Macerata: raffica di inaugurazioni

L’assessore Narciso Ricotta col vescovo Nazareno Marconi

Carancini parla col consigliere Ivano Tacconi

 

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X