facebook twitter rss

Semina il caos all’Inps,
bloccato da una guardia giurata:
«Ha cercato di prendermi la pistola»

MACERATA - E' successo questa mattina nell'istituto di via Dante Alighieri, dove un 53enne residente in città, poi arrestato dalla polizia, ha iniziato a urlare e minacciare. Omar Urgeghe, della Fifa security: «Volevo farlo uscire e c’è stata una colluttazione, poi ha cercato di sfilarmi l’arma»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
524 Condivisioni

 

 

Omar Urgeghe

 

di Gianluca Ginella

Si mette a urlare all’Inps di Macerata e quando interviene una guardia giurata cerca di prendergli la pistola e nasce una colluttazione: un uomo di 53 anni residente in città è stato arrestato e si trova ai domicialiari nella sua abitazione in attesa della convalida. E’ successo questa mattina intorno alle 9. A quell’ora c’erano diverse persone in attesa nella sede dell’ente, in via Dante Alighieri. C’era anche l’uomo di 53 anni che ad un certo punto, lamentandosi per il fatto delle code, secondo quanto ricostruito in seguito dalla polizia, ha iniziato a prendersela con un dipendente dell’Inps.

L’uomo ha iniziato a urlare «e poi ha cominciato a minacciare un po’ tutti e sono intervenuto – dice Omar Urgeghe, guardia giurata della Fifa security, che questa mattina era in servizio all’Inps -. Ho cercato di farlo uscire ed è nata una colluttazione. Poi lui ha cercato di prendermi la pistola sfilandola dalla fondina ma non c’è riuscito».

L’Inps di Macerata

A quel punto la guardia giurata ha spinto a terra l’uomo e lo ha bloccato. Nel frattempo i presenti hanno chiamato la polizia. Sul posto sono arrivate le volanti. I poliziotti hanno poi portato l’uomo in questura e successivamente lo hanno arrestato. Ora il 53enne, già noto alle forze dell’ordine, si trova agli arresti domiciliari. La guardia è invece andata in ospedale per farsi curare alcune lievi ferite che ha riportato nell’aggressione. «Sto bene – dice Urgeghe –. Ho delle ferite al ginocchio e ad una mano. Già in passato era successo un episodio simile (ad agosto, ndr), sempre con la stessa persona». In quel caso il 53enne lo aveva colpito con una bottiglia ferendolo alla mano.

(Servizio aggiornato alle 14,58)

 

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X