Centro di Climatologia verso la chiusura:
«Stiamo cercando una soluzione»

MACERATA - Aperto dal 1957 continua a fare ricerca e ha una banca dati fornitissima e ha cinque dipendenti. Lo gestisce una società consortile di cui fa parte anche la Regione che in primis ha deciso chiuderlo. L'ex presidente del Cda, Giuliano Centioni: «C’è la speranza che si possa salvare»
- caricamento letture
Ircer_Centioni__FF-3-e1568536263941-650x554

Giuliano Centioni

 

Dopo 62 anni il centro di Climatologia di Macerata è stato messo in liquidazione, «stiamo cercando di arrivare ad una soluzione anche per evitare che i cinque dipendenti perdano il lavoro» dice l’ormai ex presidente del Cda, Giuliano Centioni. Nato a Macerata nel 1957, fondato da Alfredo Murri, l’osservatorio geofisico, “Centro di ecologia e climatologia. Osservatorio geofisico sperimentale di Macerata”, continua con la ricerca, collabora con diversi enti e ha una banca dati ricchissima. La sede attuale si trova in viale Indipendenza. Chiuderlo sarebbe una perdita per il territorio. L’osservatorio è gestito da una società consortile di cui fanno parte, con quote paritetiche, cinque soci: Regione, Provincia, Comune di Macerata, la ex Camera di commercio di Macerata, l’Università di Camerino. Il problema è la legge Madia che in un’ottica di risparmio ha deciso che le società partecipate dovevano chiudere «tutte, in teoria. I soci attuali dell’osservatorio hanno deciso di chiuderlo. In primis la Regione, di fatto la Camera di commercio di Macerata che è diventata regionale, poi la Provincia. Va detto che il Comune e Unicam hanno cercato di evitare la messa in liquidazione» spiega Centioni. Il 10 settembre però è arrivata la messa in liquidazione di una società che comunque non ha debiti e ha cinque dipendenti, tra ricercatori e tecnici. «Rischiano di perdere il lavoro ma si sta cercando una soluzione. C’è la speranza che si possa salvare. Si sta lavorando da qualche mese ad una possibile soluzione – continua Centioni –. La cosa più bella sarebbe stata dare all’Osservatorio la possibilità di camminare con le proprie gambe». Oggi l’osservatorio continua con la ricerca «Ha svolto ancora un lavoro importante negli ultimi due incendi a Cosmari e alla Orim fornendo tutti i dati delle correnti del vento e della colonna di fumo – spiega Centioni –. Ha una banca dati su climatologia e meteorologia da far invidia a tutta Italia. Seguita a fare ricerca, ha una stretta e forte collaborazione con Unicam. C’è la parte commerciale di controllo fumi e caldaie. Poi ha contratti esterni, ad esempio con Redo Fusari per curare la parte meteorologica e climatologica».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X